Il Mondiale di Formula 1, giunge in Turchia per affrontare il 14esimo round della stagione. Una gara dolcissima per Lewis Hamilton che vince la 94esima gara della carriera e si aggiudica il quarto titolo iridato consecutivo, il settimo della sua formidabile storia da fuoriclasse assoluto, come Michael Schumacher. Hamilton e la Mercedes, che ad Imola due settimane fa hanno festeggiato il settimo titolo costruttori, non si è fatto sfuggire l’occasione in una gara in cui è accaduto di tutto e c'è stata gloria anche per la Ferrari che torna sul podio grazie a Sebastian Vettel. Ma chi sono stati i migliori e i peggiori? Ecco i voti dei protagonisti del GP di Turchia.

Gran Premio di Turchia
Hamilton raggiunge Schumacher: "Andato oltre ai miei sogni"
15/11/2020 A 12:22

Lewis Hamilton (Mercedes) 1° classificato: voto 9

Si dica quel che si vuole, ma quando servono gli attributi Lewis Hamilton c'è. Nel week end più complicato della stagione per la Mercedes, in crisi di aderenza già nelle libere e in qualifica, tira fuori quel valore aggiunto che segna la differenza fra i campionissimi e i bravi piloti. In gran difficoltà nella prima parte di gara, limita i danni per far durare al massimo le gomme. Poi entra nella sua dimensione mistica, e va a vincere da fuoriclasse il Gp chiudendo la questione titolo Mondiale come voleva, tagliando per primo il traguardo. Guida un'astronave, ma è un astronauta.

Hamilton, 7 titoli come Schumacher: i record della leggenda

Sergio Perez (Racing Point-Mercedes) 2° classificato: voto 8

Guida una delle migliori macchine del pacchetto nella peggiore situazione possibile, cioè quella di secondo già messo alla porta. Ma questa volta il karma - dopo il clamoroso autogol di Imola - si rivolta contro la Racing Point, penalizzando la strategia scelta per Stroll e lasciando strada al messicano per chiudere secondo, con tanto di duello finale vinto su Leclerc. In una gara così caotica, non perde mai l'orizzonte.

Sebastian Vettel (Ferrari) 3° classificato: voto 8

Grande gara, quella di Sebastian. Dal semaforo verde, quando ha sfruttato al meglio la partenza sul lato migliore, alla difesa su Verstappen ed Hamilton prima dei pit stop. Uno squillo necessario al passo d'addio con la Ferrari, ed è bello che ci sia anche lui sul podio di Istanbul a celebrare Lewis Hamilton.

Charles Leclerc, Ferrari, GP Turchia, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Charles Leclerc (Ferrari) 4° classificato: voto 7,5

Su quel podio in realtà ci stava per salire lui, ma il lungo all'ultimo tornantino ha dato via libera a Perez e Sebastian. Un errore, certo, ma un'altra gara gagliarda ed un ritmo incredibile sulle intermedie. Rimonta d'altri tempi.

Carlos Sainz (McLaren-Renault) 5° classificato: voto 7

Bravo a gestire ogni diversa fase di gara, consapevole che il passo espresso nelle libere sarebbe tornato a galla con l'asciugarsi della pista. Nel caos è decisamente più consistente del compagno Norris, ne saranno lieti anche in Ferrari.

Max Verstappen (Red Bull-Honda) 6° classificato: voto 5,5

Nervoso per la pole sfumata, parte male sul lato meno favorevole della pista e butta alle ortiche la possibile vittoria prendendosi un rischio di troppo con Perez. Ma fa divertire un mondo, e se si prende qualche rischio - non essendo in lizza per il titolo - meglio per lo spettacolo.

Max Verstappen

Credit Foto Getty Images

Alexander Albon (Red Bull-Honda) 7° classificato: voto 5

A differenza di Verstappen, lui sì aveva parecchio da giocarsi. E ancora una volta è finita con un testacoda, quando c'era l'opportunità di attaccare le Racing Point. L'addio alla Red Bull è sicuro, quello alla Formula 1 più che probabile.

Lance Stroll (Racing Point-Mercedes) 9° classificato: voto 6

Si perde completamente dopo il pit stop, ma questa volta è sfortunato: la scelta errata è stata del team, un eccesso di coccole che ha finito per distruggergli la gara mentre Perez chiudeva alle spalle di Hamilton. Resta un privilegiato e sopravvalutato, ma sul bagnato ha fatto vedere di saper guidare, e non solo in Turchia.

Valtteri Bottas (Mercedes) 14° classificato: voto 4

Qualche ardito si era premurato di fare i conti per i piazzamenti con cui Bottas avrebbe tenuto aperto il Mondiale. In realtà si perde da subito nel nubifragio e resta disperso per l'intero Gp, lontanissimo dai punti e doppiato dal compagno fra un testacoda e l'altro. Bastonato quanto o più che negli anni precedenti, altro che progetto Rosberg.

Hamilton: "Schumacher? Suo casco è il più prezioso tra quelli che ho"

Gran Premio di Turchia
Hamilton vince ed è campione del mondo! Vettel e Ferrari 3°
15/11/2020 A 12:02
GP Sakhir
Vettel in testacoda, Magnussen lo evita per un pelo: il video
8 ORE FA