Era già Cavaliere, ora è anche Ufficiale della Repubblica Italiana: al Quirinale Vanessa Ferrari è stata insignita di un’altra onorificenza dopo lo splendido, sudato e meritato argento al corpo libero ottenuto ai giochi Olimpic di Tokyo 2020.
Per l’occasione le è stato recapitato un messaggio speciale di Nadia Comaneci, che la spronava a non mollare: “Non ti sei mai arresa, sei una fonte di ispirazione per le giovani.Parigi 2024 non è poi così lontana”.

Verso Parigi 2024

Tokyo 2020
Villa: "Ho un problema osseo alla schiena, devo gestire il lavoro"
30/12/2021 ALLE 16:49
E così, raggiunta dal Corriere dello Sport, la Farfalla di Orzinuovi commenta le belle parole del suo idolo: "Nadia è Nadia, una leggenda. Mi è piaciuto molto il suo messaggio, soprattutto quando ha detto di tenere viva la passione". E poi racconta dei suoi progetti per il prossimo triennio olimpico (visto che Tokyo è stata posticipata di un anno), con vista su Parigi.
Sento questa domanda da quel mio esercizio al corpo libero in Giappone, il migliore della mia carriera. Riuscire a offrire la performance giusta al momento giusto è la cosa più importante e ci sono riuscita. Sebbene lì per lì fossi un po' delusa visto che in qualificazione ero arrivata prima e mi piaceva l'idea di far suonare l'inno. In realtà, ai prossimi Giochi manca ancora molto e mi sto ancora riposando, cercando di capire come stiano i tendini e se i piedi mi consentiranno di allenarmi in tranquillità e sicurezza. Non escludo nulla, esatto. Ma certo non è qualcosa che posso stabilire ora, è troppo presto. Quando sarà il momento deciderò.

Il percorso per arrivare alla medaglia

Dopo anni di fatiche e diverse delusioni, sia a livello fisico sia per i risultati, l’impresa di Tokyo sembrava quasi impossibile, ma Vany ce l’ha fatta: “È stato un anno fantastico, perché ha visto concludersi nel migliore dei modi un percorso avviato come invece peggio non potevo nel 2017, con l'infortunio di Montreal. Mi sono qualificata tre settimane prima della partenza, avvertivo dolore ai tendini nonostante fisicamente mi sentissi bene. A un certo punto ho pure pensato che sarebbe stato impossibile anche solo provarci. E invece è arrivata la medaglia”.

2 agosto 2021 - Ferrari leggendaria! L'esercizio che le ha regalato l'argento

L’anagrafe e la lotta contro il tempo

Tempo fa Vanessa, con i suoi 31 anni, sarebbe stata considerata vecchia per la ginnastica artistica, uno sport che fa i conti quotidianamente con la perdita di forza nei muscoli e di elasticità nelle articolazioni, ma Oksana Chusovitina, con la sua partecipazione a Tokyo alla tenera età di 46 anni, ha sfatato definitivamente questo mito. Perciò anche Ferrari può ambire a continuare per la sua strada agonistica e lei lo sa:
La mia carriera è stata finora bellissima seppur difficile, perché vissuta sempre tra alti e bassi e con tantissimi infortuni. Sono spesso stata costretta a ripartire da zero e a lavorare più di prima. Un po’ di sfortuna c'è stata , il mio è uno sport molto logorante, ma sono andata avanti e questa cosa bella del podio giapponese è comunque arrivata e la dedico a chi c'è sempre stato e non ha mai smesso di credere in me, anche quando io stessa non ci credevo più. Sono cambiata molto in questi anni, ma la voglia di vincere è sempre la stessa.

E quindi mai mollare

Perciò, torna il messaggio che ha contraddistinto tutta la carriera di Vanessa Ferrari: “Il messaggio è sempre lo stesso: credi nei tuoi sogni. In questo momento può sembrare stupido, ma non lo è proprio grazie a quei sogni. E se non riuscirai a raggiungere il tuo obiettivo, sarai comunque orgoglioso perché avrai fatto tutto il possibile per ottenerlo. La rivincita, invece, l'ho già avuta. Questo argento alla mia quarta partecipazione, dopo tanta sfortuna, è stato il coronamento alla mia carriera. A prescindere se andrò avanti o meno, tutto questo comunque sarà presente nella mia vita”.

VANESSA FERRARI RIVEDE L'ESERCIZIO D'ARGENTO: "HO LA PELLE D'OCA"

Tokyo 2020
Le emozioni della ginnastica artistica a Tokyo
13/08/2021 ALLE 13:41
Tokyo 2020
Biles e i twisties: "Grazie all'Università di Junetendo"
06/08/2021 ALLE 02:37