"Sono nata sopra un tatami, ho anche sognato di fare la ballerina, ma vive in me da sempre il bisogno di combattere. La mia famiglia è la mia prima spalla, il fulcro di tutta la mia attività. Senza mio padre non sarei dove sono oggi. Anche mio fratello minore sta intraprendendo la mia stessa carriera e spero davvero che arrivi il più lontano possibile".
In questo stralcio dell'intervista rilasciata al portale Anygivensunday.it nel 2019, Maria Centracchio fa il ritratto di se stessa. Molisana, figlia di una terra molto spessa dimenticata, orgogliosa e forte. L'azzurra di Judo, fresca del bronzo olimpico nella categoria 63kg, è la figlia del maestro Bernardo: un’istituzione nelle arti marziali molisane. La qualificazione a Tokyo è stata qualcosa di storico (mai nessun/a molisano/a era arrivato/a ai giochi), perché oltre alle avversarie ha dovuto battere anche le forze avverse.
Il medagliere | Il calendario completo | Gli Azzurri
Tokyo 2020
Il judo a Tokyo 2020: qualificati, gare, calendario
25/03/2021 ALLE 11:47
"Il percorso che mi ha portato fino a Tokyo è durato tanto tempo. Prima della pandemia la mia posizione in classifica era più salda. Un anno in cui ho vissuto tante difficoltà: prima la mononucleosi, poi il covid, mi hanno fatto perdere un po’ di ritmo. E quindi l’essere riuscita a restare in classifica è stato un sollievo grandissimo".
Guarda tutte le gare delle Olimpiadi di Tokyo 2020 abbonandoti a Discovery+: 3000 le ore live, fino a 30 canali in contemporanea dedicati a tutte le 48 discipline e a tutti i 339 eventi previsti. E potrai rivedere quando vuoi tutte le gare nella sezione VOD. Abbonati ora su discoveryplus.it: dal 19 luglio al 1 agosto, 3 giorni di free trial e abbonamento per 12 mesi a 29,90 euro complessivi. Attiva la promozione!

CENTRACCHIO IN LACRIME DOPO IL BRONZO: "NON MI SONO MAI ARRESA"

Tokyo, medaglia e papà

Però, una volta arrivata a Tokyo, la qualificazione non bastava. Attraverso un grande percorso nel torneo 63kg, Maria ha conquistato il bronzo. "Sul tatami non esistono formule magiche, ogni atleta è diverso. Io so di essere riuscita a conquistarmi le mie soddisfazioni grazie alla caparbietà e alla voglia di arrivare sempre più in alto superando le difficoltà".
Il merito va diviso con Papà Bernardo, che stato è fondamentale nella storia di Maria. Un padre-atleta-maestro con cui ha un rapporto speciale. "Mio padre mi conosce benissimo. Già solo con uno sguardo ci capiamo. Abbiamo passato tante cose insieme, superato tante tappe, se sono arrivata qui è soprattutto grazie al fatto che ha sempre investito su di me". Inoltre, come a suggellare questo binomio che rende grande lo sport molisano, il comune di Rocchetta a Volturno (1098 abitanti), in provincia di Isernia, ha conferito a Maria (e, indirettamente, anche al padre) la cittadinanza onoraria.

BRONZO SUPER PER MARIA CENTRACCHIO: RIVIVI GLI HIGHLIGHTS

Dopo questo grandissimo successo, che l'ha fatta scoppiare in lacrime, Maria potrà tornare nel suo Molise e dal suo fidanzato Gabriele Chilà (nazionale azzurro salto in lungo delle Fiamme Gialle più piccolo di tre anni). Oltre alla laurea, ora potrà esporre anche la medaglia olimpica. Una coppia niente male.
Tokyo 2020
Non affrontò l'avversario israeliano: judoka algerino sospeso 10 anni
14/09/2021 ALLE 19:00
Tokyo 2020
CENTRACCHIO: "SENZA ODETTE NON SAREI MAI ARRIVATA A TOKYO"
01/08/2021 ALLE 09:10