È andata in archivio la seconda giornata di gare nei Mondiali giovanili di nuoto in corsie, di scena presso l’impianto Videna Aquatic Center di Lima in Perù. Un day-2 fruttuoso per l’Italia che ha conquistato un oro, un argento e tre bronzi, oltre che due quarti posti e tre pass per le Finali individuali del day-3. Formazione del Bel Paese che può vantare il maggior numero di medaglie vinte finora (7).
Nei 200 delfino donne una stupenda doppietta oro-bronzo per l’Italia. A vincere il titolo mondiale è stata Anna Porcari, che con il crono di 2:12.00 ha preceduto la turca Kuzeh Yalcin (2:13.23) e l’altra azzurrina Paola Borrelli (2:13.36). Per entrambe le nostre portacolori si tratta del proprio primato personale.
Nei 200 stile libero uomini è arrivato l’atteso sigillo del rumeno David Popovici, con il “normale” per lui crono di 1:46.18 (record dei campionati). Alle sue spalle si sono classificati l’ungherese Daniel Meszaros (1:48.98) e uno splendido Filippo Bertoni, classe 2006, in 1:49.05 (primato personale). Considerando che Bertoni si trovava in una Finale con tutti atleti del 2004, questo fa ben sperare in vista del futuro.
Nuoto
Altro successo per Acerenza: sua la 10 km in Canada per la FINA World Series
28/08/2022 ALLE 07:34
La quarta medaglia italiana è stata vinta da Irene Mati nei 50 rana donne: 31.96 per lei alle spalle della polacca Carolina Piechowicz (31.55) e della spagnola Maria Ramos Najji (31.68). Settima posizione invece per Alex Sabattani nell’atto conclusivo dei 100 rana uomini (1:03.17) nella gara vinta dall’austriaco Luka Mladenovic (1:01.30) davanti al serbo Uros Zivanovic (1:01.64) e al polacco Filip Urbanski (1:02.80).
Ai piedi del podio si è fermata Sara Curtis: soli 4 centesimi hanno diviso la ragazza del Bel Paese dal podio nella Finale dei 100 dorso donne vinta dall’ungherese Dora Molnar in 1:01.44. La azzurrina in 1:02.14 ha ottenuto, quindi, un quarto posto preceduta anche dalla giapponese Aimi Nagaoka (1:01.45) e dall’altra nipponica Chiaki Yamamoto (1:02.10).
Nei 200 misti uomini l’altra medaglia di legno, se così la si vuol definire, è arrivata da Simone Spediacci che con il crono di 2:01.90 ha sfiorato la top-3. L’oro è andato al turco Sanberk Yigit Oktar in 1:59.80 a precedere i due giapponesi Tomoyuki Matsushita (2:00.89) e Yuta Watanabe (2:01.39).
Altro successo turco negli 800 stile libero donne dove Merve Tuncel ha siglato il crono di 8:30.00 davanti alla nipponica Ruka Takezawa (8:36.20) e alla spagnola Carla Carron (8:42.38). Quinta posizione per Giulia Vetrano in 8:43.34. La quinta medaglia in casa Italia si è concretizzata nella 4×100 mista mixed dove gli azzurrini in 3:55.58 sono giunti secondi dietro alla Polonia (3:52.00). Il bronzo è stato conquistato dal Sudafrica (3:58.58).
Per quanto riguarda le semifinali, Elia Codardini è entrato in Finale con il settimo tempo nei 100 delfino (54.16), mentre con il secondo e il terzo crono Matilde Biagotti (55.02) e Marina Cacciapuoti (56.18) vanno a caccia di soddisfazioni nell’atto conclusivo dei 100 stile libero donne.

Grazie Federica! Leggenda eterna del nuoto mondiale

Nuoto
Pellegrini riceve la laurea honoris causa: "E' un giorno incredibile"
29/09/2022 ALLE 12:25
Nuoto
Santo Condorelli squalificato 18 mesi per omissioni nei test anti-doping
15/09/2022 ALLE 10:29