Sofia Goggia è diventata oggi la prima italiana a centrare quattro podi consecutivi in Coppa del Mondo grazie al secondo posto odierno in superG a St. Moritz (dopo le tre vittorie di Lake Louise, in Canada): l’azzurra ha così centrato il 36° podio complessivo in carriera. Queste le sue dichiarazioni ai microfoni della FISI.
L’analisi di Sofia Goggia: “Con questo tipo di visibilità piatta non si vedeva praticamente nulla davanti ai piedi, quindi penso di aver ottenuto un secondo posto di cuore enorme. Sono contenta per il risultato in sé perché sono molto vicina a Gut, ma con la consapevolezza di non aver sciato molto bene in questa occasione. In alcuni punti sono arrivata lunga, ho trovato poca confidenza in alcuni punti ma sono molto soddisfatta, consapevole di poter migliorare domani. Le condizioni metereologiche dovrebbero essere più serene domenica, anche se con un po’ di vento in più“.

Goggia ancora sul podio, 2ª in SuperG: rivivi il duello con Gut

St. Moritz
Brignone: "Una vittoria tra le più belle della mia carriera"
12/12/2021 A 12:51
Sul duello con Gut: “Nutro enorme stima per lei e sono molto contenta di duellare con lei, anche se penso che in realtà lei sia ancora un gradino superiore a me soprattutto in superG. E’ un’antagonista che mi spinge a dare il meglio in una sana rivalità e io da sportiva vivo di questa competizione. In gara mi sono fidata delle linee che avevo studiato col mio allenatore e che avevo visto in ricognizione, sapevo che Gut era davanti con più di un secondo, prima di Shiffrin, e arrivare a soli due decimi non mi può che rendere felice. La stagione si fa interessante, continuo a non guardare la classifica generale perché è troppo presto per fare conti, però ho mantenuto il pettorale rosso di leader in supergigante ed è un grande orgoglio”.

Gut ingiocabile, vince il Super G davanti a Goggia

Le parole di Elena Curtoni: “Una gara difficile, con molti dossi e tanti movimenti di terreno che, non vedendoli, condiziona molto la discesa. Lara Gut-Beharmi ha fatto la differenza per atteggiamento, io non mi sentivo così bene mentre scendevo, ma evidentemente mi sono fidata più delle altre che sono scese prima di me”.
Conclude Federica Brignone: “Sicuramente la visibilità non è stata delle migliori e già prima della gara avevo predetto sarebbe stata una gara difficile. Non sono riuscita a fare quello che volevo e che dovevo fare ma ho fatto veramente fatica in fase di discesa. Anche partire davanti ci ha reso le condizioni più difficili, non potendo ben vedere cosa succedesse sulla pista rendendo tutto molto difficile nell’appoggiarsi e fidarsi”.
St. Moritz
Curtoni dietro a Brignone per la doppietta Italia, rivivi la sua gara
12/12/2021 A 11:38
St. Moritz
Doppietta Brignone-Curtoni, grande Italia in SuperG
12/12/2021 A 11:21