Una sconfitta bruciante. Jannik Sinner (n.12 del ranking) deve arrendersi a Felix Auger-Aliassime (n.9 del mondo) negli ottavi di finale del Masters1000 di Cincinnati. Sul cemento americano l’azzurro è stato sconfitto per 2-6 7-6 (1) 6-1 in 2 ore e 28 minuti di partita. Un match deciso dal secondo parziale dove Sinner si è trovato avanti di un break (4-2) e non ha sfruttato due match-point nel dodicesimo game. Troppe le chance sprecate dall’altoatesino che da quel momento ha subìto l’iniziativa del suo avversario, perdendo nettamente il tie-break e il set successivo. Sarà dunque il canadese (testa di serie n.7) ad affrontare Borna Coric nei quarti di finale di questo torneo, visto il successo del croato contro lo spagnolo Roberto Bautista Agut per 6-2 6-3. Da ricordare come Coric, oltre ad aver battuto nel primo turno Lorenzo Musetti, si è tolto la soddisfazione di sconfiggere nel secondo round Rafael Nadal.
Nel primo set Sinner conduce le danze, trovando grandi soluzioni dal fondo. Va sul 3-0 Jannik ed esprime un tennis in sicurezza. Non è un caso che la frazione vada via molto liscia per lui nei turni in battuta e si concluda sul 6-2 in proprio favore, con un nuovo break incamerato nell’ottavo game. Da sottolineare in questo caso la grande efficienza in risposta di Sinner rispetto alla seconda di servizio di Auger-Aliassime (89% di punti vinti).
ATP, Cincinnati
Berrettini cade ancora al primo turno, passa Tiafoe
16/08/2022 ALLE 05:19
Nel secondo set qualche scricchiolio alla battuta Jannik lo mostra in apertura di frazione, ma salva le due palle break concesse. Si procede on serve fino al sesto gioco, quando l’azzurro trova nuova consistenza nei suoi colpi da fondo per conquistare il break. Uno strappo però non sfruttato dall’italiano, che ai vantaggi subisce il contro-break immediato. Nel dodicesimo game Sinner ci riprova e ci sono due palle match per chiudere l’incontro, ma sfumano amaramente. La partita da questo momento gira e il canadese gioca in maniera molto più profonda, mentre Jannik accorcia troppo il suo raggio d’azione. Ne vien fuori un tie-break dominato dal rivale 7-1. Nel terzo set si assiste a un vero e proprio “calvario” sportivo per Sinner. Il break del secondo gioco è un colpo durissimo, al pari delle tre palle del contro-break immediato non sfruttate. L’inerzia del confronto è nelle mani di Auger-Aliassime che strappa va in fuga nel sesto game e fa calare il sipario sul 6-1.
Sul fronte delle statistiche, indubbiamente Felix ha potuto sfruttare l’arma del servizio in maniera migliore, come testimoniano i 14 ace rispetto ai 4 dell’azzurro. Per Jannik una bassa percentuale di prime in campo (56%) da cui ha ottenuto il 63% dei quindici, mentre con la seconda il 56%. Tuttavia è il rapporto vincenti/errori gratuiti a rappresentare il quadro della situazione: per Sinner 27 vincenti e 30 gratuiti, mentre per Auger-Aliassime 34 vincenti e 24 errori.

Sinner: "Io e Alcaraz come Federer e Nadal? Speriamo"

Laver Cup
Berrettini in doppio con Murray alle 14: il programma di domenica 25
2 ORE FA
Laver Cup
Berrettini regola Auger al super tie-break: Team Europe torna avanti
UN GIORNO FA