Sarà Sascha Zverev il secondo semifinalista della parte alta del tabellone del Masters 1000 di Madrid! Il tedesco n° 6 del mondo elimina Sua Maestà Rafael Nadal in due set, 6-4 6-4, senza diritto di appello. Per lo spagnolo si tratta della terza sconfitta del 2021 dopo i quarti degli Australian Open contro Tsitsipas e i quarti di Monte Carlo contro Rublev. Per la prima volta dal 2003, i Big Three non vincono nessuno dei primi tre Masters 1000 stagionali (Miami, Monte Carlo e Madrid). All'epoca i vincitori erano stati Hewitt, Agassi e Ferrero. Quest'anno, per ora, Hurkacz e Tsitsipas. Zverev raggiunge Thiem (che ha battuto Isner nel pomeriggio) in semifinale nel remake dell'ultimo atto del torneo madrileno del 2018, vinto da Sascha e della finalissima degli Us Open 2020 vinta dall'austriaco al quinto set.
"Una delle mie vittorie più belle. Sulla terra battuta contro Rafa. In Spagna. È speciale. Ma il torneo non è finito" [Sascha Zverev]

Zverev: "Battere Nadal sulla terra e a Madrid è un sogno"

Roland Garros
Lob pazzesco di Djokovic dopo un super recupero di Nadal
21 ORE FA

Zverev e Nadal a fine partita

Credit Foto Getty Images

La cronaca del match

Fresco vincitore del suo quarto premio Laureus come "Sportivo dell'anno", Nadal è apparso decisamente sottotono e in difficoltà dal punto di vista fisico ("Ho commesso errori ingiustificabili. Le sensazioni sono pessime. È una settimana complicata per me. Stavo salendo di rendimento gradino dopo gradino e oggi ho fatto un passo indietro. Nei momenti chiave ho fatto tutto male"). Lo spagnolo n° 2 del mondo, però, parte bene, con un break a zero nel sesto game: 4-2. Da lì, però, il tilt ("Ho fatto un disastro"): arriva un parziale di quattro giochi consecutivi del tedesco, che vince l'ottavo (il più combattuto del match) e piazza anche il secondo break chiudendo 6-4.

Alexander Zverev

Credit Foto Getty Images

La giornata no del 20 volte campione Slam unita alla potenza sfoderata col dritto da Zverev fa sì che di servizio perso ne arrivi un altro, quello sul 2-2 del secondo parziale. Nadal lotta, perché è questa la sua natura, ma è il suo avversario ad andare più vicino al doppio break che non il contrario. La conseguenza naturale è un altro 6-4, che chiude in un’ora e 45 minuti il cammino di Rafa in terra madrilena. Zverev entra così a far parte di un club d'élite: grazie alla vittoria odierna diventa uno dei tre giocatori ad aver battuto Nadal sulla terra battuta, Federer sull'erba e Djokovic sul veloce. Gli altri due sono Thiem e Murray. Tanta roba.

Nadal: “Onorato del premio, avevo grandi avversari”

Roland Garros
Smorzata di Nadal indietreggiando, Djokovic incredulo
UN GIORNO FA
Roland Garros
Clamoroso a Parigi! Nadal abdica, la finale sarà Djokovic-Tsitsipas
IERI A 16:56