Elina Svitolina comincia a crederci. Nell'equilibrio dei precedenti contro Simona Halep (5-4 per l'ucraina, 5-5 considerando anche un match di Fed Cup) c'era una macchia: non l'aveva mai battuta negli Slam. Un limite, un tarlo per l'ucraina a cui, in effetti, manca ancora l'affermazione nei tornei che più contano in questo sport.

Halep da manuale, il passante non lascia scampo a Svitolina

Non sappiamo se questa sarà la volta buona ma un indizio arriva dalla sfida con la rumena: un doppio 6-3 molto convincente. Dopo break e contro-break, sul 3-3 15-40 del primo parziale c'è una chance sprecata da Halep. Si tratta della prima svolta con la due volte campionessa Slam che perde la pazienza e la visione del campo. La testa di serie numero 5, dal 4-3, procede spedita fino al primo 6-3.
US Open
Fernandez brilla ancora contro Svitolina: gli highlights del match
07/09/2021 A 22:56

Halep è una macchina: il suo passante trafigge Svitolina

Il secondo set, nel terzo e quarto game, sembra ricalcare il primo con break e contro-break, ma l'inerzia si sposta dalla parte di Halep che varia il gioco per destabilizzare la sua avversaria. Invece, è solo un'illusione. Il settimo gioco, lottato, dà a Svitolina il 4-3 e l'allungo decisivo. Il bronzo di Tokyo 2020 serve benissimo e chiude 6-3 6-3 con sorprendente facilità.

Svitolina ora sogna: Halep asfaltata in due set, highlights

Tornata nella seconda settimana di New York dopo cinque anni, Simona Halep ha superato scogli duri come Giorgi al primo turno e Rybakina al terzo. In questo match le è mancata un po' di forza fisica. D'altronde gli infortuni, che l'hanno costretta a giocare uno Slam fuori dalla Top 10 - novità per lei dal 2014 a questa parte - dovevano presentare il conto.

Svitolina: "Halep è una lottatrice, mi aspettavo una gara così"

Sotto il tetto dell'Ashe (alla sua prima su questo campo) Elina Svitolina prosegue, invece, la sua marcia fin qui perfetta: ha vinto le ultime nove partite giocate, essendo reduce dal trionfo di Chicago, e non ha ancora perso un set in questa edizione degli US Open. Un bel biglietto da visita per i quarti contro Leylah Annie Fernandez. Già, perchè la 18enne canadese non ha nessuna voglia di lasciare il torneo e si rende protagonista di un'altra rimonta strepitosa, prendendosi lo scalpo di Angie Kerber col punteggio finale di 4-6 7-6(5) 6-2. Di nuovo uno scalpo importante dopo quello di Naomi Osaka al turno precedente, per questa ragazza che gioca con una leggerezza disarmante.

Kerber cade nella trappola di Fernandez e viene beffata a rete

La sfida è equilibrata nel primo set, con Fernandez che mette in difficoltà Kerber e si invola sul 4-2, reagendo alla grande al break subito in avvio. Ma la tedesca non ha intenzione di stare a guardare e rovescia il set, vincendolo con quattro game in fila. Partita godibile. Nel secondo Kerber trova presto il break e sembra poter gestire, ma la canadese ha il merito di non mollare mai. Con piedi velocissimi, la nativa di Montreal danza sul cemento del Louis Armstrong ed esulta col sorriso ad ogni 15 messo in cascina. Kerber perde la bussola e pure il tiebreak. Si va al terzo. L'equilibrio regge per quattro giochi, poi entusiasmo e fisico, sbilanciati da una parte, fanno la differenza. Stavolta è Fernandez a vincere quattro game in serie e prendersi la vittoria, nel tripudio del pubblico presente. Kerber la abbraccia stremata dopo il match point: brave tutte e due.

Krejcikova-Sabalenka, che quarto!

Ai quarti di finale approda anche Aryna Sabalenka, che strapazza Elise Mertens per un'ora e 10 minuti di sassate senza diritto di replica. La belga si arrende in due set, 6-4 6-1, accusando un netto mismatch fisico. Prestazione di pura forza bruta da parte della testa di serie numero 2, che bombarda la metà campo dell'avversaria a servizio e in risposta allargandone pian piano le falle difensive. Sabalenka approda ai quarti di finale con la convinzione di poter condannare alle corde chiunque grazie alla sua esuberanza atletica: toccherà a Barbora Krejcikova escogitare una strategia per disinnescare la corazzata bielorussa. La ceca ha battuto in due set molto intensi Garbine Muguruza in un match che farà sicuramente parlare. Dopo aver vinto il primo set 6-3, la vincitrice del Roland Garros 2021 ha messo il turbo anche nel secondo parziale (4-0) per poi subire la rimonta della spagnola fino al 5-4. Krejcikova annulla 3 set point col servizio, ma torna a difendere il set sul 5-6. Qui chiede un MTO per dolori alle gambe. Rientra in campo dopo 8 minuti, porta la contesa al tie-break e vince 7-4. Muguruza non l'ha presa bene liquidando il comportamento dell'avversaria con un "So unprofessional" a rete al momento del saluto.

Fernandez non si ferma più: battuta anche Kerber, gli highlights

US Open Femminile
Fernandez non si ferma più: Svitolina ko, è in semi con Sabalenka
07/09/2021 A 21:33
US Open
Svitolina ora sogna: Halep asfaltata in due set, highlights
05/09/2021 A 18:25