"Milan: e adesso?". Sarà questa una delle domande più pressanti a cui il club neocampione d'Italia dovrà rispondere nelle prossime settimane, in cui il calciomercato si scatenerà. Beninteso, sia in entrata che in uscita. Che si tratti di Zlatan Ibrahimovic o di... Rafael Leão. Già perché dalla Spagna le voci sono già incontrollate: il Real Madrid, che schiuma rabbia per aver perso nelle trattative legate prima a Erling Haaland e poi a Kylian Mbappé, avrebbe pronti 120 milioni - buoni da reinvestire per assicurarsi almeno 3 big sul mercato - per il cartellino del portoghese, protagonista di un finale di campionato super, decisivo per la corsa Scudetto e autore di 11 reti nella Serie A appena andata in archivio.
IL MILAN FAREBBE BENE A CEDERE LEAO PER 120 MILIONI?
| Tutte le news di calciomercato |
Calciomercato
Il Real su Leao: pronti 120 milioni. Inter: Inzaghi fino al 2024
25/05/2022 A 06:42

Milan, ora che farai? Giusto vendere Leão per 120 milioni?

Già. "E adesso il Milan che fa?". Da una parte c'è la coerenza da sempre dimostrata dal duo Paolo Maldini-Frederic Massara, che non ha mai ceduto alle pressioni di contorno. Nel Milan di oggi, i rilanci dei procuratori non hanno mai attecchito, anche a costo di lasciare partire i pezzi più pregiati. E' stato così per Gianluigi Donnarumma, lo sarà presto per Franck Kessié. Anche perché la linea tracciata da cui prendere esempio dev'essere necessariamente quella dettata dal rinnovo dello scorso febbraio sottoscritto da Theo Hernandez: i vari componenti della squadra, per lo meno quelli più impiegati, andranno a percepire uno stipendio "equiparato". La forbice sarà bassissima: tra i 4 e i 6 milioni annui. Fa eccezione, chiaramente, l'ultra quarantenne Zlatan Ibrahimovic il quale, in caso di rinnovo, andrà a guadagnare "solo" 2,5 milioni. Nel suo caso, è ovvio, la questione non è prettamente economica.

Theo, Leao, Kalulu e non solo: i 10 colpi chiave per lo scudetto del Milan

Il dilemma: tenere i propri "top player" o continuare ad essere "coerenti"?

E 5 milioni è la cifra che il Milan vuole proporre all'ex attaccante del Lille - legato ai rossoneri fino al 30 giugno 2024 - per blindarlo fino al 2026. Ora, secondo stime Transfermarkt, il valore di Leão è pari a 50 milioni. I Blancos sarebbero pronti a offrirne più del doppio: con 120 milioni il Milan potrebbe assicurarsi almeno tre top player, o comunque ottimi giocatori per acquisire ulteriore competitività, specie in previsione della prossima Champions League.

Giroud: "Ibra? Sa sempre trovare le parole giuste per motivarci"

Il problema non saranno tanto Real, Barça o Psg: in agguato, anche le "non big" d'Inghilterra...

La prima domanda è: si può rinunciare Leão? La seconda: tornando alla linea da rispettare in tema di ingaggi, il Milan riuscirà a rispettarla anche in futuro? Di fronte ai 5 milioni da proporre a Leão o ai 4 milioni di un altro "crack" come Theo Hernandez, per non parlare di Sandro Tonali, il problema non è rappresentato, tanto, da squadre come Real Madrid, Barcellona, PSG o Manchester City, ma - banalmente - da formazione di medio cabotaggio di Premier League (stile Wolverhampton, per intenderci), che non avrebbero problemi a offrire molti più soldi. D'altra parte però, giusto ribadirlo, fin qui la strada della "coerenza" ha funzionato alla grande ed è stata proprio la base del ritrovato successo. E allora la domanda torna a sorgere spontanea: "Milan: e adesso?".

Ibrahimovic scatenato: "Milano non è il Milan, l'Italia è il Milan"

Calciomercato
La strana estate di Neymar: il PSG vuole davvero venderlo?
IERI A 16:40
Calciomercato
Milan-Maldini, firma in arrivo; ma per Renato Sanches forse è tardi
19/06/2022 A 08:16