Dopo l'ufficialità (arrivata mercoledì sera), è giunto il tempo dei saluti: Sergio Ramos lascia il Real Madrid e lo fa versando le lacrime di chi ha vestito la camiseta blanca per 16 stagioni, diventato il quarto madridista con più partite, 671, e il secondo per trofei, 22. Quindici minuti per rendere il giusto omaggio al "gran capitàn", nella "Conferenza dell'arrivederci", come lui stesso l'ha definita, alla presenza di Florentino Perez, nel quartier generale di Valdebebas:
"Non è un addio, ma un arrivederci. Sono sicuro che un giorno tornerò qui, voglio ringraziare enormemente tutti, porterò il Real Madrid sempre nel mio cuore".
Liga
Real, audio shock di Florentino: "CR7 imbecille, Mou viziato"
14/07/2021 A 09:09
Il 35enne spagnolo, però, si toglie anche qualche sassolino dalla scarpa in merito alla trattativa (fallita) per il rinnovo con le Merengues:
"Voglio dire la verità, non ho mai voluto lasciare Real. Mi hanno offerto un anno col 10% in meno. Io volevo 2 anni, mai fatto problema di soldi. Alla fine ho accettato e mi hanno detto che l'offerta non esisteva più perché aveva data di scadenza. Non lo sapevo. Sono rimasto sorpreso"

Le parole di Ramos

"Il momento è arrivato, uno dei più difficili della mia vita. Non si è mai pronti a dire addio al Real Madrid. Sono uscito dalla mano dei miei genitori e dei miei fratelli da bambino e, grazie a Dio ho una grande famiglia. Grazie a loro che sono sempre stati con me. Voglio ringraziare loro, il mio club, il presidente, per tutto il vostro affetto. I miei allenatori, i dipendenti del club. Guardo i vostri volti ed è inevitabile emozionarmi. Grazie ai tifosi, mi hanno sempre supportato in ogni momento. Mi sarebbe piaciuto salutarvi al Bernabeu, ma vi porterò sempre nel mio cuore. Si sta chiudendo una fase unica della mia vita. Niente sarà come quello che ho vissuto qui. Voglio continuare a mostrare il mio miglior livello e aggiungere un altro titolo al mio palmares. Grazie mille a tutti. Questo è un arrivederci, perché prima o poi tornerò".

Sul futuro

"Non abbiamo mai pensato a niente con nessuna squadra. Da gennaio, quando sono entrato nel mercato, ci sono state delle chiamate. Ma non abbiamo mai avuto in mente di lasciare Madrid. D'ora in poi cercheremo una buona opzione per me. Il Siviglia è il mio secondo club, ma fino ad oggi non contemplo questa opzione, e nemmeno loro. Il Barcellona? È un no clamoroso come il Bernabeu".

Florentino Perez

Credit Foto Getty Images

Le parole di Florentino Perez

"Quello di oggi è un atto pieno di sentimento e di emozione per tutti, anche per me. Da presidente del Real Madrid, non è un giorno facile. Sono stati 16 anni di successo, ma anche affetto. Non mi dimenticherò di quando sei stato presentato come giocatore del Real. Avevi 18 anni, poche partite e una voglia incredibile di mangiarti il mondo. Un acquisto non facile, ma sapevamo che avrebbe segnato un'epoca. Mi sento enormemente orgoglioso di quello che hai realizzato e conquistato, sei senza dubbio una delle grandi leggende del Real Madrid. Qui sei cresciuto e sei stato il capitano e hai conquistato l'ammirazione e il rispetto di tutti. Sarai sempre nel cuore dei madridisti, grazie per tutto quello che hai fatto per questo club e per aver difeso questa maglia. Sarai sempre l'uomo della Decima, un simbolo di quello che questo club rappresenta per milioni di persone. Una storia meravigliosa di cui sei stato protagonista. Ventidue titoli che ti rendono con Marcelo il secondo madridista con più titoli nella storia dopo Gento. 101 gol al Real, una cifra incredibile per un difensore. Al di là delle cifre, sarai sempre uno dei nostri capitani e uno dei più amati. Ti ringraziamo per aver accresciuto il mito del nostro club. Oggi non è una giornata facile perché tu, in tutto questo, sei stato una persona speciale per me. Pertanto, ti auguro di essere felice con i tuoi cari e sai che questa sarà sempre casa tua. Una leggenda come te sarà per sempre un ambasciatore del Real Madrid".

Sergio Ramos: "Buffon? Un orgoglio superare una leggenda"

Liga
Ancelotti nel mirino del fisco spagnolo: stipendio sequestrato
29/06/2021 A 16:38
Liga
Real Madrid, Florentino; "Zidane e Ramos come figli, torneranno"
25/06/2021 A 14:38