Undici giorni dopo quella ha definito “la prova più ardua della sua vita”, Silvio Berlusconi ha potuto fare ritorno nella sua residenza di Arcore e lasciare l’Ospedale San Raffaele di Milano. Dimesso intorno alle 11,30, l’ex patron del Milan ed attuale presidente del Monza era ricoverato dalla notte di giovedì 3 settembre dopo essere risultato positivo al test per il Coronavirus. Ora resterà in isolamento nella sua casa fino a quando non avrà un secondo tampone negativo.

È stata la prova più pericolosa della mia vita. Ringrazio i medici. Anche questa volta l’ho scampata bella
Serie A
Silvio Berlusconi, peso e vasectomia: le divertenti confessioni di Ronaldo "il Fenomeno"
13/05/2019 A 17:31

"Mi è stato detto che l’entità della mia carica virale è stata la più alta tra le decine di migliaia osservate al San Raffaele – ha confidato, l’ex Premier all’uscita dall’Ospedale - Fortunatamente quando me lo hanno comunicato ero già nella fase di recupero della polmonite bilaterale che mi rendeva un soggetto a rischio. Ho provato in prima persona che fino a quando il virus non sarà debellato, ognuno di noi è esposto al rischio di essere contagiato e contagiare gli altri. L’appello che mi sento di lanciare è quello di massima responsabilità sociale e personale. Mi sento anche di rivolgere un pensiero ai malati e ai medici in prima linea contro questo virus pericoloso".

Il gol di Van Basten che cambiò la storia del Milan

Serie B
Boateng: "Quando ho visto Messi volevo ritirarmi"
IERI A 12:03
Serie B
Il Cittadella stoppa l'Empoli al 91'; settebello Lecce
23/11/2020 A 22:00