Il 2020 sta giungendo al termine e il 2021 per tanti atleti vorrà dire vera ripartenza verso la nuova stagione con la speranza che sia un anno sportivo decisamente più lungo e denso di eventi rispetto a quello che si sta concludendo. Uno di quegli atleti che guarda al 2021 con speranza e voglia di riscatto è Fabio Jakobsen, ciclista coinvolto nella maxi-caduta causata da Dylan Groenewegen (che per quanto accaduto sarà squalificato nove mesi) al Giro di Polonia.
Jakobsen, in coma farmacologico, dopo l’impatto si è sottoposto a operazioni di chirurgia maxillo facciale, riabilitazione e allenamento in vista della stagione. Sarà difficile rivederlo in bici con l’avvio delle prime gare ma lui ci sta provando e lo vuole dire al mondo.
Ciclismo
Pidcock: "Mi sono spaventato per Bernal, qualcosa va cambiato"
UN' ORA FA
Così Fabio Jakobsen annuncia di essere tornato in sella. Se anche se fosse solo per un allenamento blando in compagnia della sua ragazza, o per provare la nuova bici in dotazione al team Deceuninck Quick Step per la stagione 2021, è davvero bello vederlo nella sua “tenuta da lavoro”.
Finora è stato un bella avventura. Con questo post vorrei ringraziare tutti i medici e gli specialisti che mi hanno aiutato in questo percorso
Jakobsen a gennaio dovrà subire un altro intervento ma già vederlo in sella non è poco, anzi. Al Polonia la situazione sembrava veramente drammatica ed era oggettivamente difficile immaginarsi il corridore in bici a pochi mesi dall’incidente. Eppure è lì. E questa è forse una delle immagini più belle di questo strano anno.

Evenepoel, vittoria con dedica "da pelle d'oca" a Jakobsen al Giro di Polonia

Tour de France
Il Tour de France 2023 partirà dalla Spagna. Prologo a Bilbao
UN GIORNO FA
Ciclismo
Bernal operato: il colombiano rimane in terapia intensiva
25/01/2022 A 10:44