Anche Pogacar aveva preso una piccola batosta nella tappa di Le Creusot, perdendo 3'35'' da van der Poel, che teneva la maglia gialla, e van Aert, diventato il capitano della Jumbo Visma dopo il crollo di Roglic. A distanza di 24 ore, però, la situazione si è ribaltata completamente. Tutto merito di Pogacar che, non soddisfatto di ciò che era capitano nella 7a tappa, ha voluto dare una lezione a tutti. A van der Poel e a van Aert, ma anche a gli altri pretendenti. Prima ha messo a tirare la squadra (ottimo il lavoro di Rui Costa e Formolo) all'inizio del Col de Romme, sfiancando l'olandese e il belga, ma anche gli altri rivali. Solo Carapaz ha resistito al primo attacco, ma anche l'ecuadoriano ha sventolato bandiera bianca sulla seconda accelerazione. Sul Col de la Colombière ha poi tentato di riprendere anche i fuggitivi, missione quasi riuscita con il solo Teuns a spuntarla. Il belga ha scollinato con soli 10'' di vantaggio su Pogacar, ma è riuscito ad incrementare quel margine in discesa, considerando che anche lo sloveno era sfinito. Bella vittoria di tappa per la Bahrain Victorious che fa bis dopo il successo di Mohoric, ma ci si chiede se il Tour de France non sia già finito. Vedendo i distacchi (ecco la classifica dei big), ci viene difficile poter trovare dei motivi per dire il contrario.

Come Pogacar ha demolito Carapaz: due scatti e addio!

La nuova classifica

Tour de France
Tour de France: startlist, ritirati e squalificati dalla Giuria
27/06/2021 ALLE 00:54
CorridoreTempo
1. Tadej Pogacar29h38'25''
2. Wout van Aert+1'48''
3. Alexey Lutsenko+4'38''
4. Rigoberto Uran+4'46''
5. Jonas Vingegaard+5'00''
6. Richard Carapaz+5'01''
7. Wilco Kelderman+5'13''
8. Enric Mas+5'15''
9. David Gaudu+5'52''
10. Pello Bilbao+6'41''

Classifiche e risultati

| Classifica generale | Ritiri e squalificati | L'Albo d'oro del Tour |
IL TOUR È GIÀ FINITO?

Thomas e Roglic si staccano, van Aert marca Pogacar

Si parte subito a fuoco per cercare la fuga di giornata. Grandi nomi all'attacco, considerando la presenza di Mattia Cattaneo, Poels, Geoghegan Hart e Mohoric tra gli altri. La velocità fa male a Geraint Thomas che si stacca subito e rientra nel gruppetto con i velocisti. Nuovi attacchi, ci prova Colbrelli ma anche van Aert tenta una fiammata. A questo punto si arrende anche Roglic che resta staccato con Daniel Martin e Latour. Si arriva abbastanza compatti al traguardo volante di Frangy, con Colbrelli che vince agevolmente su Matthews e Mezgec, provando a rientrare nella classifica a punti. Nuovi tentativi di fuga, alla fine se ne va un plotoncino di 18 corridori a 66 km dal traguardo. Ci sono corridori come Quintana, Simon Yates, Cattaneo, Poels, Teuns, Woods, Guillaume Martin e Kuss, mentre perde le ruote Valverde. Poels a caccia dei punti per la maglia a pois, ma nella discesa dopo la Côte de Mont-Saxonnex si sganciano Kragh Andersen e Benoot con un'azione in combinata.

Altra giornata no per Roglic: si stacca dopo pochi km

Roglic si stacca ma riceve comunque l'appluso dei tifosi

Pogacar stacca tutti, Carapaz compreso

Kragh Andersen prende in testa il Col de Romme, ma da dietro rimonta in maniera molto agile Michael Woods che prova l'impresa. Alle sue spalle si forma un quintetto composto da Poels, Quintana, Cattaneo, Simon Yates e Guillaume Martin. Dietro è bagarre tra gli uomini di classifica, con Pogacar che mette i suoi a tirare. Via via si staccano tutti, da van der Poel a Nibali, da Uran a van Aert. Anche Vingegaard, Alaphilippe e Gaudu si arrendono, con Pogacar che stacca tutti. Carapaz prova a tenere la sua ruota, ma anche l'ecuadoriano sventola bandiera bianca dopo due accelerazioni. Lo sloveno è un rullo compressore e a fine salita da già un minuto al suo rivale n° 1. Pogacar a questo punto si lancia addirittura alla caccia dei fuggitivi sfruttando l'ultima ascesa del Col de la Colombière.

Pogacar stacca Carapaz a Col de Romme - Tour de France 2021

Credit Foto Getty Images

Teuns resiste a Pogacar e vince la tappa. Lo sloveno ha quasi vinto il...

Sull'ultima salita Woods barcolla e viene raggiunto da uno stoico Dylan Teuns che prima si riporta sui controattaccanti, poi li stacca e raggiunge anche il canadese in testa. Da dietro però è minaccioso Pogacar che ricuce uno svantaggio iniziale di 5 minuti ai fuggitivi di giornata. Impressionante. Carapaz è scivolato a 3 minuti dallo sloveno, van Aert a 5', van der Poel a 14'. Pogacar, uno a uno, riprende tutti i fuggitivi sull'ultima ascesa, gli resiste solo Teuns che riesce a scollinare con 10'' di vantaggio. Lo sloveno, a questo punto, può cercare anche la vittoria di tappa, ma preferisce fare la discesa in maniera lucida per evitare inutili cadute (anche dopo la comunicazione dell'ammiraglia). Ne approfitta così Teuns che si invola verso la vittoria, il suo secondo acuto al Tour in carriera dopo il successo a La Planche des Belles Filles (su Ciccone) nel 2019. Pogacar è anche un po' stanco e viene raggiunto da Izagirre e Woods, non riuscendo così a fare la volata per i secondi di abbuono. Poco male, ha già vinto il Tour.

Teuns è l'unico che resiste alla furia di Pogacar: rivivi l'arrivo

L'ordine d'arrivo

CorridoreTempo
1. Dylan Teuns3h54'41''
2. Ion Izagirre+44''
3. Michael Woods+47''
4. Tadej Pogacar+49''
5. Wout Poels+2'33''
6. Simon Yates+2'43''
7. Aurélien Paret-Peintre+3'03''
8. Guillaume Martin+3'03''
9. Mattia Cattaneo+4'07''
10. Jonas Vingegaard+4'09''
13. Richard Carapaz+4'09''

Maxi caduta al Tour! Strike clamoroso per colpa di una "tifosa"

Tour de France
L'Albo d'oro del Tour de France: tutti i vincitori dal 1903 al 2021
14/06/2021 ALLE 13:11
Tour de France
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 ALLE 21:53