Lewis Hamilton (Mercedes) 1° classificato: voto 8 Più che al Gp un voto ai numeri, che lo portano nella leggenda in un week end globalmente mediocre, in cui era stato battuto in qualifica da Bottas ed aveva visto il compagno ineditamente battagliero al semaforo verde. Sul trono di tutti i tempi al fianco di Michael Schumacher, un traguardo che sembrava irraggiungibile per chiunque. Certo, numeri in parte drogati dal dominio Mercedes, che toglie a lui e a noi la possibilità di vederlo battagliare coi ragazzi terribili che scalpitano là dietro. Senza avversari l'immagine di campionissimo si offusca inevitabilmente. Ma certi numeri non si fanno per caso, e Lewis è pur sempre il ragazzino che al primo anno in Formula 1 mise in crisi un certo Fernando Alonso. A ripensarci ora, non è così strano vederlo lassù.

Lewis Hamilton riceve il casco di Michael Schumacher dal figlio Mick

Credit Foto Getty Images

GP Eifel
Hamilton "Un onore eguagliare Schumacher", Leclerc "Abbiamo sofferto"
11/10/2020 A 15:07

Hamilton, 91 vittorie come Schumacher: campioni nati per dominare

Max Verstappen (Red Bull-Honda) 2° classificato: voto 7,5 Ha il target cristallizzato: essere il primo dopo le Mercedes. E porta a casa praticamente sempre il risultato (qui anche il giro veloce), anche se pagherebbe di tasca sua per avere quel mezzo secondo che gli consentirebbe di ingaggiare Lewis Hamilton. Ma può puntare fino alla fine a mettersi dietro Bottas nel Mondiale.

Daniel Ricciardo (Renault) 3° classificato: voto 7,5 Se uno dei tre là davanti ha dei problemi, c'è Daniel Ricciardo in agguato. Il podio era nell'aria, è arrivato al Nurburgring grazie ad una gara gagliarda e ad una Renault che, da quando ha ritirato il proprio ricorso contro la Racing Point, ha preso a volare soprattutto di motore. Misteri del sottobosco della F1.

Sergio Perez (Racing Point-Mercedes) 4° classificato: voto 7 Perde la sfida del podio con Ricciardo, ma qualifica e ritmo di gara gli regalano un altro week end remunerativo che potrebbe essergli utile per un volante in chiave 2021. Uno fra i più costanti e consistenti in questa fase di Mondiale, in cui la 'Mercedes rosa' cresce meno di altri in termini di sviluppo. Highlander.

Charles Leclerc (Ferrari) 7° classificato: voto 8 Il quarto posto in qualifica ed il settimo in gara vanno archiviati sotto la voce miracoli. Vederlo battagliare con tanta generosità al volante della disastrosa SF1000 è persino commovente, o quanto meno regala ai ferraristi qualche raro motivo per seguire i gran premi. Ora pesano sulle sue giovani spalle anche lo sviluppo e gli indirizzi tecnici per il futuro: se la sensibilità è pari al talento, sarà un plus anche per la Ferrari.

Niko Hulkenberg (Racing Point-Mercedes) 8° classificato: voto 6,5 Chiamato all'ultimo a sostituire Lance Stroll, prende in mano il volante direttamente per le qualifiche e alla fine del week end porta a casa un 8° posto meritorio, vista anche la posizione di partenza in griglia. Prende confidenza con la monoposto col passare dei giri, e alla fine la porta dove deve. Professionista.

Nico Hulkenberg sabato mattina era a bere un caffè a Colonia con amici, oggi è arrivato a punti partendo ultimo in griglia

Credit Foto Getty Images

Antonio Giovinazzi (Sauber-Alfa Romeo) 10° classificato: voto 7,5 Week end perfetto e piazzamento a punti che confermano l'ottimo momento di forma e la tangibile crescita rispetto al 2019. Sta prendendo l'abitudine a mettersi alle spalle Kimi Rainìkkonen, lanciando segnali soprattutto in chiave 2021. Un posto di ripiego in Haas dovrebbe comunque trovarlo, ma il suo obiettivo è la conferma in Alfa. Mick Schumacher permettendo.

Sebastian Vettel (Ferrari) 11° classificato: voto 5 Ormai non ha senso infierire, Sebastian è fuori dalla Ferrari e non sono certo dalla sua parte né gli stimoli né gli interessi a dare l'anima per la SF1000. Certo però un'intera gara a sandwich tra le Sauber-Alfa, mentre Leclerc si aggrappa disperatamente a chi va più forte di lui, non passa inosservata.

Valtteri Bottas (Mercedes) ritirato: voto 4 Qualcuno aveva sperato che Sochi potesse averlo 'stappato', magari togliendogli un po' di sudditanza psicologica nei confronti di Hamilton. Qualifiche e partenza sembravano confermarlo, poi l'errore quando era in controllo della gara e senza nemmeno troppa pressione dal compagno. Sciolto come neve al sole.


Hamilton, 91 vittorie come Schumacher: campioni nati per dominare

GP Eifel
Hamilton vince e fa la storia: 91 come Schumi. Leclerc 7°
11/10/2020 A 13:50
GP Portugal
Libere 2: la Ferrari rialza la testa a Portimao, Leclerc 4°
14 ORE FA