Uno show per un set, poi il rientro del giocatore più caldo di questo 2021. Il sunto, il succo, in una singola frase, della semifinale dell’ATP 250 di Lione tra Lorenzo Musetti e Stefanos Tsitsipas. Il 19enne italiano ha provato a spaventare il n°1 della Race 2021, giocando una prima partita veramente eccellente per qualità tennistica, soluzioni, estro e conseguente spettacolo offerto al pubblico. Poi, però, è salito in cattedra Stefanos Tsitsipas, che quest’anno su questa superficie si è fin qui arreso solo a Rafael Nadal a Barcellona (per altro avendo match point) e Novak Djokovic a Roma.
Un grande primo set di Musetti, che a differenza di Acapulco, precedente incrocio tra i due, era partito fresco e spavaldo. Ottimo rendimento al servizio, eccellente con le accelerazioni di dritto e le aperture di campo col il rovescio, Musetti ha anche infiammato il pubblico con tantissime soluzioni estrose predominate dal solito utilizzo della palla corta. Tsitsipas ha provato a reagire, ha da subito alzato il livello del suo tennis, ma nonostante la chance di controbreak nell’ultimo game, a prendersi il primo parziale è stato una fantastico Musetti.
Tokyo 2020
Delusione Osaka: passa Vondrousova. Rivincita Tsitsipas
27/07/2021 A 04:58
Poi, però, il greco, si è fatto solidissimo. Un muro, dal fondo, con Musetti costretto ad andare fuori giri sia col dritto che proprio con l’utilizzo della palla corta, che si è fatta eccessiva e dunque più prevedibile. Lorenzo ha anche perso un po’ la prima di servizio, consentendo a Tsitsipas tutto sommato un rapido ribaltamento della partita. Il greco infatti è finito per dominare esattamente come nella semifinale di Acapulco lo scorso marzo, con il 6-3 6-0 di secondo e terzo set che hanno messo la parola fine alla corsa di Musetti.
Dopo il trionfo a Monte Carlo dunque Tsitsipas cercherà l’ultimo sigillo nella finale di domani contro Norrie o Khachanov prima di volare a Parigi come outsider numero 1 dopo i soliti due nomi, Rafael Nadal e Novak Djokovic. Di contro Musetti si porta via un ulteriore step di crescita. Per un set se l’è giocata assolutamente alla pari. I margini di questo ragazzo, da lunedì n°76 del mondo, sono ampissimi.

Musetti, l'altra faccia della giovane Italia che vince

Tokyo 2020
Doppio misto: Errani-Fognini e Giorgi-Sonego le coppie azzurre
26/07/2021 A 19:34
Tokyo 2020
Musetti: "Alla Maturità ho preso 97/100, ora testa a Tokyo"
14/07/2021 A 14:01