MEDIOLANUM FORUM DI ASSAGO (MI) - Cinque vittorie in fila e l'ebbrezza di essere lì, al terzo posto alle spalle soltanto delle grandi, Barcellona e CSKA Mosca, con una partita ancora da recuperare. Milano vendica la sconfitta del Pireo, la prima della stagione, schierando, nei due quarti pari, una difesa marmorea che ricorda, per intensità tremenda e coordinazione perfetta tra uomini e reparti, quella sfoderata la scorsa settimana nella cavalcata sul Bayern Monaco. E resta quasi l'amaro in bocca quando Kyle Hines sbaglia il tap-in sulla sirena che avrebbe dato il vantaggio anche nella differenza canestri, "soltanto" pareggiata nonostante il +18 toccato nelle fasi conclusive del secondo periodo (44-26), apice paradisiaco di un primo tempo straordinario.
Già, perché l'Olympiacos ha la resilienza di un peso massimo incassatore. Non cade mai al tappeto. Nemmeno quando subisce quella serie di uppercut tremendi con cui Punter, Delaney, Datome e Rodriguez bruciano retine a ripetizione nei primi venti minuti. Basta un attimo, un piccolo rilassamento, perché Kostas Sloukas, mente cestistica e leader straordinario (17 punti e 7 assist in quasi 34 minuti di spremitura totale), riprenda i fili della partita e, spalleggiato dal bombardiere folle Sasha Vezenkov (18 punti, 10 rimbalzi e 4 triple), costruisca una rimonta dura e violenta per l'aggancio a quota 60 in un terzo periodo dove l'Olympiacos spara 6/10 dall'arco asciugando le polveri dopo il misero 3/11 dell'intervallo lungo.

Gigi Datome parte forte: 7 punti nel primo quarto contro l'Olympiacos

Serie A
Milano passa a Treviso a mezzogiorno: vittoria in volata 82-77
24/01/2021 A 13:00
Tutto da rifare. E sarà così, per la seconda volta, con lo stesso spartito della prima. Difesa, difesa, difesa. Come nel secondo quarto, l'Olympiacos segna soltanto 5 punti nella prima metà del quarto periodo e sembra affogare sotto la nuova mitragliata di Kevin Punter (81-71), ma, di nuovo, bastano un paio di minime distrazioni perché Sloukas e Vezenkov firmino ancora il -2 (81-79). Allora, serve tutta la rocciosità di Kyle Hines. Due difese indistruttibili, una stoppata, una palla recuperata, tramutate, sul lato opposto, da due bombe pazze di Delaney e Punter. L'Olympiacos è definitivamente domato. Vittoria.

Tripla pazza di Delaney, stoppata di Hines: il finale di Milano-Olympiacos

Kevin Punter intasca con merito il premio di MVP nella sua miglior serata di sempre in Eurolega: i 27 punti valgono il suo career-high, ma sorprende, più che altro, il tempismo con cui KP fa frusciare la retina. Sempre nel momento giusto, con la giocata giusta, la lettura perfetta. Un'enciclopedia. Gli fa eco Malcolm Delaney, 16 punti, la tripla inventata che lancia la volata finale e una difesa sublime su Sloukas, all'interno di una staffetta con lo stesso Punter e Roll. Perché gli esterni biancorossi, ancora una volta, vivono una serata difensiva straordinaria: nel contenimento del pick'n'roll, nel lavoro sul lato debole, negli aiuti in post-basso, nel leggere le linee di passaggio, situazioni decisive per controbilanciare lo svantaggio sotto i tabelloni, che vede l'Olympiacos sgusciare a rimbalzo offensivo con forza e aggressività per cogliere alle spalle i movimenti di contenimento sui piccoli di Hines e LeDay (35-27 il conto dei rimbalzi pro-greci, 11 dei quali in attacco).

Kyle Hines la inchioda lì: la stoppata su Martin resta appesa al ferro

Poi arriva Sergio Rodriguez, a 14. Dominante nel secondo quarto, costantemente al ferro. Gigi Datome con 12, brillante in una partenza-sprint da 7 punti nel solo primo periodo per lanciare il primo abbrivio. Solido Riccardo Moraschini (2 punti, 4 rimbalzi, 3 assist), così come il rientrante Michael Roll, subito sfoderato come agente speciale difensivo. Spremuto Vlado Micov, sguinzagliato come 4 tattico per una difesa più leggera e reattiva sui ribaltamenti di lato per gli esterni. Onesto Kaleb Tarczewski, chiassoso ma sempre presente Zach LeDay, imperiale Kyle Hines. Gli aggettivi per definire la sua leadership difensiva, ormai, sono quasi esauriti. Accostate voi, a scelta, quello che più vi pare di fianco al suo nome.

AX Armani Exchange Milano-Olympiacos Pireo 90-79

  • Milano: Delaney 16, Punter 27, Datome 12, LeDay 6, Tarczewski 5; Micov 2, Moraschini 2, Roll, Rodriguez 14, Hines 6. N.e.: Cinciarini, Moretti. All.: Messina.
  • Olympiacos: Sloukas 17, Jenkins 8, Vezenkov 18, Printezis 7, Ellis 2; Harrison 8, Spanoulis, Martin 7, Jean-Charles 7, McKissic 5. N.e.: Charalampopoulos, Larentzakis. All.: Bartzokas.

Highlights: Olimpia Milano-Olympiacos Pireo 90-79

* * *

Riguarda AX Armani Exchange Milano-Olympiacos Pireo in VOD (Contenuto Premium)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Basket

AX Armani Exchange Milano - Olympiacos

00:00:00

Replica
Eurolega
Costruire un gruppo: come Messina sta cambiando Milano
22/01/2021 A 11:47
Serie A
Milano, ufficiale l'arrivo di Devon Hall con un contratto biennale
20/06/2021 A 11:08