La stagione NBA si è appena conclusa con la conquista del titolo da parte dei Golden State Warriors e i riflettori sono già puntati sulla offseason e sul mercato. Tra i protagonisti più attesi c'è Kyrie Irving che può uscire dall'attuale contratto con i Brooklyn Nets per rinegoziare o, a sorpresa, decidere di andare via: a questo proposito Shams Charania di The Athletic, uno dei reporter di punta in NBA, ha fatto sapere che le trattative iniziali tra la stella da Duke e la franchigia del proprietario Joe Tsai sarebbero in fase di stallo, pur essendo solo all'inizio. Quando si parla di Irving i colpi di scena sono sempre dietro l'angolo e quindi non è escluso del tutto che possa lasciare i Nets, nonostante l'amicizia stretta con Kevin Durant e il fatto che abbia voluto a tutti i costi trasferirsi nella Grande Mela da Boston in passato.
Chiaramente ci sono altre franchigie che stanno monitorando la situazione, su tutte le due di Los Angeles, Lakers e Clippers, e i New York Knicks. Essendo tutte e tre con una situazione salariale complicata e piena, l'unico modo per provare a prendere Irving e con un sign and trade, ovvero attendere che Kyrie resti nell'attuale contratto esercitando l'opzione da 37 milioni di dollari per il 2022-23 (entro il 29 giugno) e poi architettare uno scambio coinvolgendo una franchigia con tanto spazio nel cap. I Lakers non sembrano avere margini di manovra, a meno che non riescano a inserire Westbrook (impossibile...), mentre i Clippers hanno qualche buon giocatore (Powell, Kennard, Morris, Jackson) e dei giovani (Mann e Boston) da mettere sul piatto. I Knicks possono ovviamente usare la carta di farlo restare nella Grande Mela, oltre che avere più giocatori da poter scambiare, o anche scaricare per liberare spazio e firmare direttamente Irving.
NBA
Houston cede Wood a Dallas e fa spazio per Paolo Banchero
16/06/2022 A 08:57
A prescindere da come andrà a finire, l'esperienza di Irving coi Nets è stata finora quasi un fallimento: tra infrtuni, assenze varie e questioni legate al Covid e alla volontà di non vaccinarsi, Kyrie ha saltato ben 123 delle 226 gare di regular season a disposizione, oltre la metà, mentre ai playoff ha vinto soltanto una serie giocata, quella del primo turno del 2021 contro Boston, con un totale di 6 vittorie e 7 sconfitte.

Irving e il dito medio ai tifosi di Boston: "Ho risposto agli insulti"

NBA
Irving coi Nets anche in casa: via l'obbligo di vaccino
24/03/2022 A 09:20
NBA
Jokic rinnova coi Nuggets per 270 milioni. Le firme dei free agent
2 ORE FA