Notte prima dell’esame. Juventus e Inter domani si preparano al terzo atto di questo 2022. I primi due hanno sorriso alla squadra di Inzaghi capace di portarsi a casa la Supercoppa Italiana, con una zampata di Alexis Sanchez al 120’ e di espugnare l’Allianz Stadium 1-0 con un rigore contestato e dopo una delle migliori partite disputate dalla squadra di Allegri. Chissà cosa accadrà all’Olimpico? A margine di un evento al Foro Italico ai microfoni di Sky Sport, hanno provato a fare le carte alla sfida i due ad Maurizio Arrivabene e Beppe Marotta che hanno rapidamente parlato anche dei fronti caldi del mercato da Dybala, ai rinnovi di Perisic, fino ai colpi della prossima sessione.

Arrivabene: "Vlahovic non si discute, prossimo mercato sarà strano"

La nostra stagione? La gara di domani è una storia a se. È una finale e quindi è importantissima ma il nostro primo obiettivo della stagione era quello di qualificarci in Champions League ed è stato raggiunto. Domani è un altro capitolo. Il mio giudizio è positivo perché l'obiettivo è stato raggiunto. Poi dal quarto posto al primo ci sono in mezzo tante chiacchiere ma noi siamo abitutati ai fatti. Va bene così ma dobbiamo continuare a crescere per salire sempre di più. Vlahovic? E’ un giocatore che non si discute, assolutamente. Ricordo Ibrahimovic che nel suo primo anno alla Juve era criticato, poi è esploso. Si tratta solo di dare fiducia al giocatore e lasciarlo crescere in pace. Giocare in una grande squadra necessita tempo, farà vedere quello che vale. Che colpi devono attendersi i tifosi nel prossimo mercato? Sarà un mercato un po' strano per l'arrivo dei Mondiali. Probabilmente sarà più importante la sessione invernale. Noi comunque non faremo colpi di teatro. La volontà è di fare investimenti in maniera sostenibile per rinforzare la squadra”.
Coppa Italia
La strana notte di Dybala tra Juve e Inter: come reagirà?
10/05/2022 A 20:58

Allegri: "Coppa Italia? Se vinci non conta, se perdi hai fallito"

Marotta: "Inzaghi e la squadra sono carichi, sarà un mercato d’occasioni"

Per la prima volta questa Inter si trova a dover convivere con due realtà contrastanti ed emozionalmente molto forti. C’è la tensione, un po’ straordinaria. Ma il lavoro di Inzaghi, del management e dell’intero gruppo è molto buono. Le motivazioni sono molto forti, tutte le componenti vorranno regalare qualcosa di speciale. Se Dybala è davvero vicino all’Inter? E’ un ottimo calciatore, tutti sanno che è svincolato. E’ appetibile da tanti club, ma noi abbiamo un reparto offensivo di grande qualità. Siamo la squadra che ha fatto più gol, non abbiamo problemi ma apprezzo le qualità di Dybala. Mercato? Abbiamo un giovane e bravo allenatore come Inzaghi; un gruppo composto da un zoccolo duro di giovani e meno giovani. Dobbiamo puntellare bene e con Ausilio cogliere le opportunità. Difficile pensare ad investimenti pesanti, dovranno essere mirati per trovare giocatori funzionali. Perisic? Se lui ha il desiderio di rimanere lo accontenteremo ma sempre a cifre parsimoniose”.
| Tutte le news di calciomercato | Il tabellone delle ufficialità | Tutte le deadline |

Inzaghi: "Scudetto? L'Inter ci crede fino alla fine"

Calcio
Allegri: "Dybala gioca. Non vincere Coppa non cambierebbe miei giudizi"
10/05/2022 A 18:13
Calciomercato
Ufficiale, Haaland giocherà nel City: Guardiola ha il suo bomber
10/05/2022 A 14:50