La storia d’amore tra il Papu Gomez e l’Atalanta è giunta al capolinea. Dopo la litecon Gasperini che ha caratterizzato tutta la scorsa settimana, con relative panchine punitive, il rapporto tra l’argentino e Bergamo è andato perso per sempre. La mancata convocazione per il match contro la Roma non ha fatto altro che gettare altra benzina sopra il fuoco, tanto che il trasferimento del giocatore nella finestra di gennaio pare scontato. Il capitano di mille battaglie ha in mente di abbandonare la macchina in corsa e Gasperini non dovrebbe opporre resistenza.
Tra le tante destinazioni spuntate fuori come funghi in autunno, il prezzo di mercato è più che abbordabile, ce n’è una che ha preso l’attenzione su tutte quante: l’Inter di Antonio Conte. La suggestione di vedere il Papu in nerazzurro è molto più che una semplice idea gettata al vento, e quasi certamente la squadra milanese potrebbe fare un tentativo. La situazione legata a Christian Eriksen e a un reparto - quello di centrocampo - ripetutamente vessato da infortuni creano quel vuoto che sembra perfetto per l’inserimento di Gomez. Questo il punto di vista in merito del Corriere della Sera:
Serie A
Gomez, è davvero finita: non convocato per Atalanta-Roma
19/12/2020 ALLE 17:38
"Il 3-5-2 di Conte non prevederebbe spazio per il Papu, ma vero anche che proprio Gomez potrebbe indurre il tecnico a ritentare l’esperimento del trequartista (3-4-1-2) fallito con Eriksen. L’argentino insomma rimpiazzerebbe al meglio il danese, garantendo più dinamismo per la sua azione da cosiddetto «tuttocampista»; senza contare la creatività e il tiro da fuori, fondamentali per sbloccare le partite incartate, uno dei grandi problemi di questa Inter. Per il Papu l’Inter sarebbe anche perfetta per provare a vincere finalmente qualcosa dopo tutti questi anni in Italia.
Proprio Gomez potrebbe indurre Conte a ritentare l’esperimento del trequartista fallito con Eriksen
Uno stimolo che, eventualmente, potrebbe anche fargli accettare un certo impiego a partita in corso, una specie di Altafini 3.0 che entra e risolve. Quanto ai 32 anni, non è certo un problema per una squadra che ha comunque uno zoccolo forte di giovani ma non teme di rischiare con gli over 30. Dovendo vincere subito — e non andare fuori budget — è difficile trovare un innesto migliore".

Conte: "Qualsiasi cosa faccio è vista in modo negativo"

Il nostro commento

Dopo il caso Eriksen, e tutto quello che ne è derivato (minutaggi ridotti all’osso e diatribe degne di un dualismo Rivera-Mazzola), vedere un altro giocatore molto creativo e particolarmente a suo agio sulla trequarti offensiva fare il titolare nell’Inter 2020/2021 ci sembra particolarmente difficile. Però, alcune delle peculiarità che circondano il Papu, molto differenti rispetto all’ex Tottenham, potrebbero propendere per il benestare verso l'affare. Ecco i 4 motivi.
  • L’ingaggio. Tra i tanti pro che ha portato l'avvento di Suning all'Inter c'è sicuramente la gigantesca disponibilità economica del colosso cinese. Il gruppo che controlla i nerazzurri non avrebbe grossi problemi a coprire i 2mln all'anno che percepisce attualmente il Papu, ed inoltre sarebbe perfettamente in grado di fornire, sotto la voce premi, un cospicuo bonus per il raggiungimento di traguardi come scudetto o Coppa Italia. Per un quasi 33enne come l'argentino non sarebbe affatto male come "fase finale" della carriera.
  • L’attitudine. A differenza di Eriksen, che non è mai stato eccellente per cattiveria agonistica, Gomez può offrire un temperamento di quelli che piacciono ad Antonio Conte. Con attitudine, aggressività e rabbia agonistica (accompagnata dalla correttezza), l’argentino non avrebbe problemi a sintonizzarsi sullo stesso canale dell’ex allenatore del Chelsea, accelerando il processo di inserimento.
  • Conoscenza. Con quasi 10 anni di permanenza nel nostro campionato, il Papu ha imparato a memoria tutte le sfacettature della Serie A. I ritmi, gli avversari, i comportamenti, i momenti, i campi, le tifoserie (anche se in questo momento covid-19 non possono incidere). Un altro vantaggio rispetto ad Eriksen che, oltre alla lingua, per colpa della discontinuità non è mai riuscito ad entrare in confidenza con il campionato italiano.
  • L’ultima occasione. Gomez è un classe 1988, quindi nel 2021 compirà 33 anni, mentre Christian Eriksen non è ancora arrivato a 30 (28). Viene facile capire perché tra i due giocatori quello che deve forzatamente salire sull’ultimo treno è sicuramente l’argentino. L’Inter potrebbe essere il convoglio giusto che, oltre al primo titolo, potrebbe garantirgli ancora 2-3 anni in Champions League.
Questi sono i quattro motivi per portare Alejandro "el Papu" Gomez in nerazzurro. Una trattativa tutt’altro che impossibile che potrebbe incendiare il mercato di gennaio.

Gasperini: "Voci? Non rispondo a chi non ha faccia né firma"

Calciomercato
Gomez saluta l'Atalanta a gennaio: dove giocherà?
15/12/2020 ALLE 05:46
Serie A
Gasperini chiude la porta al Papu: lo rivedremo nel 2020?
13/12/2020 ALLE 22:52