“Una situazione troppo rumorosa, una scelta inevitabile”. Thomas Tuchel, allenatore del Chelsea, a pochi minuti dalla delicata partita di Premier League contro il Liverpool, è tornato a parlare della decisione di punire ed escludere dall’elenco dei convocati Romelu Lukaku, pochi giorni dopo l’intervista dell’attaccante belga a Sky Sport Italia in cui ha espresso tutto il suo malcontento per il suo rapporto con il tecnico dei Blues e manifestato il suo amore e la sua nostalgia per l’Inter (club in cui prima di chiudere la carriera spera di poter tornare a giocare). Le parole di Big Rom non sono passate inosservate e hanno destabilizzato lo spogliatoio alla vigilia di una partita delicatissima, in cui Azpilicueta e compagni hanno un solo risultato a disposizione per assottigliare il gap di 11 punti dal Manchester City capolista e continuare a credere nella rincorsa al primo posto. Queste le parole con cui Tuchel ha provato a motivare la sua decisione fatta per il bene della propria squadra.
"La questione è diventata troppo grande, si è fatto tanto rumore alla vigilia di un match così importante e ho deciso di proteggere la preparazione di questa sfida. Per questo motivo Romelu è assente oggi. Se ci siamo parlati? Assolutamente sì, ci siamo parlati due volte ed ho parlato anche con i giocatori più esperti e dopo questi colloqui abbiamo dovuto realizzare che era tutto troppo vicino a questa partita ed abbiamo optato per questa soluzione per decidere più avanti. Ora era importante proteggere la preparazione di questo impegno contro il Liverpool, c’è un match veramente importante e serve la concentrazione massima e secondo me il modo più semplice per provare a tutelare la squadra era quella di rinunciare a Lukaku e per questo l’abbiamo presa. E’ stata una decisione difficile da prendere? Assolutamente non è stata facile da prendere ma francamente era l’unica scelta corretta da fare”.
Premier League
Manchester City, Maresca in pole per fare il vice di Guardiola
17/06/2022 A 21:09

Classifiche e risultati

Premier League 2021-2022, la classifica aggiornata | Premier League 2021-2022, calendario e risultati | Premier League, la classifica marcatori aggiornata

Van Aert batte Lukaku: è lui lo sportivo belga dell'anno

Premier League
La parata del secolo: quando Gordon Banks disse di "no" a Pelé
07/06/2022 A 13:56
Premier League
Ufficiale: il Chelsea passa al consorzio guidato da Todd Boehly
30/05/2022 A 15:32