Andrea Pirlo risponde alle domande di DAZN dopo la vittoria per 2-0 contro il Bologna. Quanto è importante per la sua idea di gioco che la Juventus abbia il ritmo che ha avuto per larghi tratti di questa partita? "Era importante dare intensità e lo abbiamo fatto bene soprattutto nel primo tempo, dove abbiamo avuto tante occasioni anche per chiudere la partita. Poi purtroppo se non riesci a fare gol le partite rimangono sempre in bilico, ma abbiamo disputato una buona partita contro una squadra che attacca molto bene, hanno cercato di venirci a pressare alti, ma siamo stati molto bravi poi a trovare gli spazi che ci lasciavano.

Arthur

"Sì, abbiamo parlato, lui preferisce giocare leggermente più avanzato, lasciando compiti un po' più difensivi a un altro centrocampista, ma lo fa molto bene, perché tutte le volte che iniziamo la costruzione del gioco si fa trovare sempre nel posto giusto, ha grande visione, tiene molto bene la palla e quindi ci dà i tempi giusti per uscire soprattutto quando c'è la pressione delle altre squadre".
Serie A
Juve-Bologna 2-0, le pagelle: Cuadrado e Szczesny decisivi
24/01/2021 A 14:00

Due vittorie importanti dopo il ko con l'Inter

"C'era una partita importante, una finale di Supercoppa, dove abbiamo avuto l'orgoglio di poter mostrare che non eravamo stati quelli della domenica precedente a San Siro. La preparazione non è stata assolutamente difficile. Ci siamo ricompattati, abbiamo visto dove abbiamo sbagliato e poi abbiamo ripreso a lavorare, con grande entusiasmo, sapendo che siamo una squadra e che dipende solo da noi".

Morata

"Sì, avevamo deciso di mettere un altro attaccante per avere un po' più di peso in fase offensiva, avendo anche giocatori che potessero andare anche sugli spazi, perché loro stavano cercando di pressare, si liberavano molti più spazi, quindi un attaccante come Alvaro sarebbe stato molto utile soprattutto nelle ripartenze".

Accetti di subire qualche ripartenza di troppo?

"E' normale che vorresti avere sempre il dominio del gioco, prendendo meno ripartenze, ma si lavora quotidianamente su questo, cercando di fare bene le preventive; delle volte escono meglio, altre no, lasciando spazio ai giocatori che riescono a girarsi, e questo non deve succedere. Però si lavora, quando porti tanti giocatori in fase offensiva è normale che qualcosa puoi rischiare. Ma oggi avremo fatto una ventina di tiri e per quello siamo arrabbiati, dovevamo essere più cattivi perché dovevamo chiudere la partita già nel primo tempo".

Chiellini e Szczesny

"Quello di Giorgio è un rientro importante, erano anni che non faceva tre partite di fila, quattro anni. Siamo contenti per lui, non ha avuto nessun problema, questa è la nota più positiva. Per quanto riguarda Szczesny, è un portiere importante, bravo e nelle occasioni decisive si fa trovare sempre pronto".

Pirlo: "Chiesa e Demiral recuperati. Mercato? Non serve nessuno"

Le parole di Mihajlovic

"Nel primo tempo non ci abbiamo creduto abbastanza, nella ripresa abbiamo alzato i ritmi ma nel nostro momento migliore abbiamo preso gol. Vittoria della Juventus meritata, abbiamo fatto bene ma la prestazione è bella ma non balla. Siamo andati a prenderli alti, dopo il 2-0 ci siamo sfilacciati anche se forse poteva starci la seconda ammonizione per Arthur. Fino al 2-0 ci siamo resi pericolosi, come anche loro. Szczesny ha fatto due grandi parate, ci è mancata la scelta giusta in area di rigore. Non riusciamo a concretizzare da un po' di tempo".
Qualcosa manca in avanti?
"Bisogna vedere sempre, abbiamo giocatori tutti tecnici e veloci davanti. Molti di loro non hanno gol nel sangue ma con tanta qualità nel gioco. Io ormai sono sicuro di fare la partita ma dobbiamo fare il salto di qualità dal punto di vista mentale, essere più cattivi davanti alla porta così da sfruttare al meglio quello che creiamo".

Mihajlovic: "Juve? Stavolta spero di non essere esonerato..."

Come giudica la prestazione di Barrow?
"Stiamo lavorando con lui. Per adesso non è una prima punta, ha la fortuna di avere come compagno un grande attaccante come Palacio. Li facciamo lavorare sempre in coppia per apprendere, se a Barrow capita la palla gol lui segna".
Oggi Vignato pensava più a difendere che ad attaccare, meglio con Sansone?
"Ha ragione. Vignato si preoccupava molto di Cuadrado, bisogna anche capire perché è un ragazzino ancora".

Mihajlovic: "Battevo meglio io le punizioni, lo sa anche Pirlo"

Serie A
Contatto Cuadrado-Vignato, la Juve chiede un rigore
24/01/2021 A 12:02
Serie A
Arthur e McKennie rilanciano la Juve: 2-0 al Bologna
24/01/2021 A 11:08