Non ha vinto la Milano-Sanremo, ma ha già portato a casa la Omloop e, con oggi, la E3 Saxo Bank Classic. Un'altra Classica nel palmarès di Wout van Aert che in carriera ha già vinto Strade Bianche, Amstel Gold Race, Gent-Wevelgem e la Sanremo 2020. Per come ha affrontato muri e settori in pavé, il campione nazionale belga non vuole farsi sfuggire le Monumento delle pietre di questa stagione, allargando il proprio bottino almeno con una tra Giro delle Fiandre e Parigi-Roubaix, van der Poel permettendo. La sensazione è che sia il favorito indiscusso ma, per quanto visto alla Sanremo, mai dire mai nel ritrovarsi l'outsider di giornata. Quel che è certo è che van Aert ha il piedino caldo, sui muri e sul pavé si trova a suo agio, e ha una grande squadra al fianco. Teunissen, Benoot, van der Sande e Laporte, secondo ad Harelbeke dopo essere scattato proprio con WVA sul Paterberg. La sensazione è che la Jumbo faccia davvero sul serio in questo 2022, con l'ennesimo arrivo in parata dopo quanto visto all'ultima Parigi-Nizza (ben due triplette in quella settimana). Respinte le velleità di Sagan e Campenaerts che già dopo il Taaienberg, a 80 km dall'arrivo, sul primo attacco di van Aert, avevano alzato bandiera bianca. Sono davvero in pochi a tenere il passo dei Jumbo e, alla fine, Küng si prende il gradino più basso del podio anticipando Girmay e Mohoric prima della volata per il piazzamento.

L'ordine d'arrivo

CorridoreTempo
1. Wout van Aert4h36'19''
2. Christophe Laportest
3. Stefan Küng+1'35''
4. Biniam Girmay+1'35''
5. Matej Mohoric+1'35''
6. Valentin Madouas+1'35''
7. Jhonatan Narváez+1'35''
8. Tiesj Benoot+1'35''
9. Dylan van Baarle+1'35''
10. Kasper Asgreen+1'35''
E3 Classic
Craddock cade già al momento della firma: ecco il perché del ritiro
25/03/2022 A 12:44

Küng si prende il 3° posto, ma che bravo Girmay in volata

7 in fuga: c'è anche Daniel Oss

Tanti gli scatti in avvio ma, dopo 4 settori in pavé e un muro (il Katteberg), non c'è nessuno in fuga. A 126 km dal traguardo provano a partire in tandem Ryan Mullen e Lukas Pöstlberger della Bora Hansgrohe che vengono poi raggiunti da Wallays (Cofidis), Brent Van Moer (Lotto Soudal) e Paasschens (Bingoal Pauwels Sauces). Prima del muro di La Houppe, i 5 vengono ripresi, ma parte un secondo tentativo degli stessi che questa volta se ne vanno decisi anche grazie agli innesti di Lasse Norman Hansen (Uno-X Pro) e Daniel Oss (TotalEnergies). Ci provano anche Bayer e De Pestel, ma i due non riescono a rientrare sulla testa della corsa.

Van Aert ci aveva già provato: l'attacco sul Taaienberg ai -80 km

Van Aert piazza un primo attacco ai -80 dal traguardo

I 7 di testa accumulano un vantaggio massimo di 2'07'' sul gruppo, intanto perde terreno Campenaerts a causa di un guasto meccanico, con il belga che non riesce più a rientrare. Soprattutto perché a 80 km dal traguardo, sul Taaienberg, c'è un'accelerazione di van Aert che mette tutti in fila. Restano attaccati al belga solo Stuyven, Asgreen, Mohoric e Küng, oltre ai compagni di squadra Benoot e Laporte. Una volta ripresi i fuggitivi, van Aert fa lavorare in testa Benoot per assottigliare il gruppo di testa e per tenere dietro il gruppo guidato dalla Ineos Grenadiers. Gli uomini in nero riescono però, nel giro di 20 km, a neutralizzare questo tentativo con Narváez e van Baarle che si rifanno sotto.

Mohoric l'ha rifatto: va fuori strada e rientra con un bunny hop

Altro scatto ai -42 e van Aert fa il vuoto

È solo il primo tentativo però del belga che piazza un altro scatto dei suoi a 42 km dal traguardo. Questa volta solo Laporte, un suo compagno di squadra, riesce a tenere il suo passo e i due se ne vanno in tandem fino al traguardo. Impressionante l'azione di van Aert sul Paterberg, là dove invece dovette arrendersi durante il Giro delle Fiandre nel 2021.

Van Aert travolgente: rivivi il suo attacco a 42 km dall'arrivo

Nessun altro riesce a rispondere, con Asgreen che alza subito bandiera bianca, capendo che si potrà lottare solo per il 3° posto. Km dopo km, il duo della Jumbo Visma accresce il proprio vantaggio e van Aert arriverà così in parata insieme a Laporte. È Küng a prendersi il 3° posto anticipando la volata, con Girmay ottimo 4° davanti a Mohoric.

Rivivi la E3 Saxo Bank Classic (contenuto Premium)

Premium
Ciclismo

E3 Harelbeke

03:18:42

Replica
Ciclismo
Pogacar è il più pagato al mondo: Roglic fuori dalla top 10, Nibali 11°
19/03/2022 A 14:06
E3 Classic
Van Aert devastante, Jumbo super, Asgreen sfortunato: gli highlights
25/03/2022 A 20:27