È la giornata di Lorenzo Fortunato, è la giornata della Eolo Kometa. Il ragazzo bolognese, al terzo anno di professionismo, ottiene la sua prima vittoria in carriera. E che vittoria. Il classe '95 entra in fuga con altri 10 corridori, tra questi anche il compagno di squadra Vincenzo Albanese e ci prova, sai mai che il gruppo lascia andare ancora la fuga? Il corridore della Eolo prima battezza la ruota di George Bennett, poi si accoda a Tratnik capendo che è il momento clou della salita. I due vanno di buon passo, fin quando lo sloveno non sventola bandiera bianca. Da dietro provano a rimontare, ma Fortunato sente il profumo dell'impresa e va a trionfare, in solitaria, sullo Zoncolan. Che colpo! Emulando, un po', quanto fatto dal suo direttore sportivo Ivan Basso nel 2010. Che successo per la squadra di Contador, Basso, Sean Yates e Zanatta. Il protagonista di giornata è anche Egan Bernal che prima viene attaccato da Simon Yates, resiste e poi fa lui una passata difficile da digerire per chiunque. Il colombiano spazza via tutti, Vlasov compreso che scivola a quasi due minuti di ritardo. Ora l'avversario più credibile è proprio Simon Yates che ha già un ritardo di 1'33''. Ottimo Caruso che resiste al 3° posto, Ciccone sale al 7° visto il crollo di Evenepoel.

Fortunato fa l'impresa! Trionfo sullo Zoncolan, rivivi l'arrivo

La classifica generale

Giro d'Italia
Giro d'Italia: startlist, ritirati e squalificati dalla Giuria
08/05/2021 A 21:47
CorridoreTempo
1. Egan Bernal58h30'47''
2. Simon Yates+1'33''
3. Damiano Caruso+1'51''
4. Aleksandr Vlasov+1'57''
5. Hugh Carthy+2'11''
6. Emanuel Buchmann+2'36''
7. Giulio Ciccone+3'03''
8. Remco Evenepoel+3'52''
9. Daniel Martínez+3'54''
10. Romain Bardet+4'31''

Bernal da paura! Stacca Yates e compagnia: l'arrivo dei big

Classifiche e risultati

| Da Torino a Milano: il percorso del Giro | La classifica generale | L'Albo d'oro del Giro |
BERNAL PADRONE: GIRO D'ITALIA GIÀ FINITO?

11 in fuga: Fortunato, Affini, Albanese, Covi e Mosca all'attacco

Come al solito c'è grande bagarre per entrare nella fuga di giornata. Riescono ad evadere 11 corridori: Albanese e Fortunato (Eolo Kometa), George Bennett e Affini (Jumbo Visma), Mosca e Mollema (Trek Segafredo), Ponomar (Androni Giocattoli Sidermec), Tratnik (Bahrain Victorious), Covi (UAE Emirates), Nélson Oliveira (Movistar) e Rochas (Cofidis). Provano a partire anche Fiorelli e Cataldo, ma vengono riacciuffati dal gruppo. L'Astana di Vlasov comincia a fare l'andatura, chiari segnali che il russo vorrà provarci sullo Zoncolan. Mollema intanto si prende i GPM di Castello di Caneva e Forcella Monte Rest, issandosi al 3° posto della classifica scalatori.

Pasqualon-Guerreiro, che litigata! Scaramucce in mezzo al gruppo

Occhio alla discesa: perde terreno Evenepoel

Occhio alle discese che, a volte, fanno più male delle salite. Nella discesa di Forcella Monte Rest, va a tutta Gorka Izagirre che si porta dietro Aleksandr Vlasov. Bravo Bernal ad inseguire il russo, perché tutti gli altri big di classifica restano attardati. Bettiol è però il salvatore di Hugh Carthy e degli altri capitani e riporta tutti sotto. Rientra anche Evenepoel dopo aver passato un momento no di discesa.

Evenepoel fatica già in discesa: si stacca mentre la Astana allunga

Eroico Lorenzo Fortunato: vince sullo Zoncolan

Comincia lo Zoncolan e i 7 fuggitivi rimasti hanno ancora un vantaggio di 6'45'' sul gruppo maglia rosa. Il primo a rompere gli indugi è Tratnik che scatta a 11 km dal traguardo, seguito poi da Lorenzo Fortunato. Restano un po' sulle gambe gli altri, con il quartetto George Bennett-Mollema-Nélson Oliveira-Covi che finisce ben presto a 40''. A -2,5 km dalla vetta ecco che Covi allunga, ma anche Fortunato si lascia alle spalle Tratnik e sale verso un'insperata vittoria. Lo sloveno sembra poter rientrare, ma barcolla proprio agli ultimi 500 metri. Fortunato può un attimo respirare e trovo un trionfo storico. La sua prima vittoria in carriera arriva sullo Zoncolan: pazzesco.

La reazione di Contador: quasi in lacrime per la vittoria di Fortunato

Scatta Simon Yates, ma Bernal è il più forte

In gruppo c'è immobilismo fino ai 3 km dal traguardo. Hirt è il primo a rompere gli indugi, intanto si sono già staccati Nibali, Valter e Evenepoel. Simon Yates parte secco e si mette tutti alle spalle tranne Bernal che lo marca a uomo. Prova a tornare su Buchmann, mentre crolla Vlasov. È quindi sfida tra Bernal e Yates, i due favoritissimi alla vigilia di questo Giro. Il britannico sembra avere una buona gamba e prova a staccare il colombiano, ma ai -500 metri è proprio il corridore della Ineos a fare la differenza. È lui a staccare Yates e a salire a doppia velocità, mettendo altri secondi di vantaggio tra sé e tutti gli altri. Impressionante.

L'ordine d'arrivo

CorridoreTempo
1. Lorenzo Fortunato5h17'22''
2. Jan Tratnik+26''
3. Alessandro Covi+59''
4. Egan Bernal+1'43''
5. Bauke Mollema+1'47''
6. Simon Yates+1'54''
7. George Bennett+2'10''
8. Nélson Oliveira+2'18''
9. Daniel Martínez+2'22''
10. Damiano Caruso+2'22''
11. Giulio Ciccone+2'22''
12. Daniel Martin+2'27''
13. Emanuel Buchmann+2'29''
14. Hugh Carthy+2'37''
15. Romain Bardet+2'45''
16. Aleksandr Vlasov+2'55''
19. Remco Evenepoel+3'13''

Pazzesco Gaviria: si fa la volata senza sella e arriva 5°

Giro d'Italia
Il film del Giro: le tappe e i risultati da Torino a Milano
03/05/2021 A 16:07
Tour de France
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53