Si chiude come meglio non poteva la gestione di Kieran Crowley alla guida del Benetton Treviso. L'allenatore neozelandese, vincitore di una Coppa del Mondo da giocatore nel 1987, diventerà dal 1° luglio il nuovo ct della Nazionale italiana. Al suo 5° anno di Benetton, regala alla formazione trevigiana il suo 1° trofeo internazionale: tra alti e bassi, questa è stata la migliore stagione per la squadra veneta, considerando i tanti giocatori dati alla Nazionale e, inoltre, la prima storica qualificazione ai quarti di finale di Challenge Cup (mai nessuna italiana ce l'aveva fatta). Prima di cominciare un duro lavoro per rilanciare l'Italia, ecco un trofeo per Treviso che fa sua la Rainbow Cup, una competizione sperimentale che preparerà il terreno al Rugby United Championship. Un torneo con le migliori squadre della Regular Season tra la lega celtica e quella sudafricana. E che Treviso in questo finale di stagione con 5 vittorie su 5 in questa Rainbow Cup. Crowley dimostra che, con il lavoro, qualche risultato si può ottenere anche con gli italiani. Ci riuscirà anche con la Nazionale?
Rugby
Italrugby: Crowley nuovo ct, Smith direttore rugby alto livello
19/05/2021 A 09:53

Cronaca

Parte subito forte Treviso che, alla prima uscita nei 22 avversari, va in meta con Ioane lanciato da Halafihi. 5-0 per i padroni di casa che non trasformano però con Garbisi. Il lancio per scatenare Ioane nella corsa è un asse sempre cercato, ci prova Hayward, ma il trequarti ala della Nazionale italiana non ci arriva di poco. Bulls in evidente difficoltà, sotto il profilo fisico e tecnico. Brava Treviso ad approfittarne con il calcio di Garbisi. La formazione sudafricana, però, reagisce e al 26' rompe il ghiaccio con la meta di Tambwe che appoggia l'ovale oltre la linea dei punti, dopo la meta non trovata da Grobbelar. Smith non trasforma, ma dopo qualche minuto ha un calcio di punizione che manda in mezzo ai pali: 8-8 al 30'. Tutto da rifare per i biancoverdi che però trovano subito la meta del nuovo vantaggio con Els, che raccoglie dopo il mancato controllo dell'ovale da parte di van Zyl. Nel finale di tempo ancora Els ad andare fino in fondo, ma non si riesce a vedere ad occhio nudo la meta avendo tre uomini addosso. Controllo del TMO e Els aveva perso il controllo dell'ovale, ma viene assegnata comunque la meta tecnica agli italiani per un placcaggio irregolare di Jacobs, che si prende anche il giallo e lascia i suoi compagni in 14 per dieci minuti.

La gioia dei giocatori del Benetton Treviso per la vittoria contro i Blues nella finale contro i Vodacom Bulls di Rainbow Cup 2021 - Imago pub not in UKxIRLxFRAxNZL

Credit Foto Imago

Il Benetton riparte nella ripresa forte di un buon 20-8, ma trova subito la quarta meta di giornata con Lamaro. Tutto merito del recupero di Negri e del perfetto movimento di Ioane che prima attira verso di sé van Zyl, poi serve Lamaro che tutto solo schiaccia a meta. Garbisi trasforma e si va sul 27-8. I biancoverdi restano concentrati e cercano di mettere più punti di distanza tra sé e gli avversari per evitare una rimonta stile primo tempo. Ecco che Garbisi sfrutta un calcio di punizione per realizzare il 30-8, andando oltre il triplo break di vantaggio. Al 58' arriva un'altra meta, che chiude la partita. A segno Padovani che resiste al placcaggio di Coetzee dopo l'apertura di Garbisi e trova il 35-8. Da quel momento la partita perde un po' di intensità, Benetton rifiata, i Bulls sono a terra soprattutto dal punto di vista emotivo. Solo nel finale lampo di orgoglio dei sudafricani che trovano una meta con Tambwe, la seconda personale, ma l'arbitro annulla tutto dopo la segnalazione di un in avanti grazie al TMO.

Tabellino

Benetton Treviso-Bulls 35-8
BENETTON TREVISO: 15 Jayden HAYWARD, 14 Edoardo PADOVANI, 13 Ignacio BREX, 12 Marco ZANON, 11 Monty IOANE, 10 Paolo GARBISI, 9 Dewaldt DUVENAGE, 8 Toa HALAFIHI, 7 Michele LAMARO, 6 Sebastian NEGRI, 5 Federico RUZZA, 4 Niccolò CANNONE, 3 Marco RICCIONI, 2 Corniel ELS, 1 Thomas GALLO. A disposizione: 16 Gianmarco LUCCHESI, 17 Ivan NEMER, 18 Filippo ALONGI, 19 Irné HERBST, 20 Manuel ZULIANI, 21 Marco BARBINI, 22 Callum BRALEY, 23 Ratuva TAVUYARA. All. Kieran Crowley
VODACOM BULLS: 15 David KRIEL, 14 Madosh TAMBWE, 13 Marco Jansen VAN VUREN, 12 Cornal HENDRICKS 11 Stravino JACBOS, 10 Chris SMITH, 9 Ivan VAN ZYL, 8 Marcell COETZEE, 7 Ruan NORTJE, 6 Nizaam CARR, 5. Jan UYS, 4 Walt STEENKAMP, 3 Mornay SMITH, 2 Johan GROBBELAAR, 1 Gerhard STEENEKAMP. A disposizione: 16 Schalk ERASMUS, 17 Jacques VAN ROOYEN, 18 Lizo GQOBOKA, 19 Janko SWANEPOEL, 20 Muller UYS, 21 Zak BURGER, 22 Clinton SWART, 23 Gio APLON. All. Jake White
I punti: 5' meta Ioane (T), 20' calcio Garbisi (T); 26' meta Tambwe (B), 30' calcio Smith (B); 31' meta Els (T), 40+3 meta tecnica Benetton Treviso, 42' meta Lamaro (T), tr Garbisi (T), 47' calcio Garbisi (T), 58' meta Padovani (T)
Arbitro: Frank Murphy (Irlanda)
Ammoniti: 45+3 Jacobs (B)

Crowley: "Dovremo riguadagnare rispetto e credibilità"

Rugby
Italrugby: annullato il tour in Nuova Zelanda di luglio
10/05/2021 A 09:50
Rugby
Marchio 'All Blacks' venduto a un fondo? Manca ok dei giocatori
29/04/2021 A 14:43