Matteo Berrettini aveva bisogno di una settimana così. Al rientro dopo l'infortunio patito agli Australian Open, il tennista romano è passato da un incidente di percorso a Monte Carlo (il ko contro Davidovich Fokina) per mettere partite e fiducia nella testa e nelle gambe a Belgrado. La missione è compiuta con la finale ottenuta a scapito di Taro Daniel, lucky loser - aveva perso nelle qualificazioni contro Mager - che si arrende al più forte. L'allievo di Vincenzo Santopadre conquista una finale attesa da Stoccarda 2019 quando s'impose su Felix Auger-Aliassime: tre i titoli per lui nei quattro precedenti - Gstaad e Budapest prima dell'erba tedesca - con l'unica macchia a Monaco di Baviera. Dall'altra parte della rete non ci sarà la testa di serie numero 1, Novak Djokovic, ma Aslan Karatsev, protagonista dell'impresa in tre ore e 25 minuti nel match dell'anno.
Berrettini parte benissimo aggredendo in risposta il giapponese e centrando un allungo poi ribadito con il 6-1 del primo parziale: in 34 minuti il 70% di prime palle in campo del tennista romano travolge Daniel che sembra non poter sostenere una tale pressione. Il break strappato a inizio secondo set suona così come una sentenza per il numero 1 d'Italia ma il lucky loser ha il merito di dar fondo a tutte le energie e di rimanere lì, in attesa del suo momento.
ATP, Belgrado
Karatsev batte Djokovic e vince il match dell'anno: è finale
24/04/2021 A 18:48
Berrettini ha una possibilità del 3-0 e due del 4-1 ma non le concretizza e Daniel, che in risposta non aveva raccolto nulla fino a quel momento, gioca a tutto braccio per un contro-break inatteso sul 5-4, quando il romano serviva per il match. Il giapponese conduce dal primo punto all'ultimo anche il tie-break, vinto per 7 punti a 5, grazie anche a un calo fisico dell'azzurro.
Nel terzo set, però, come se nulla fosse successo, Berrettini è bravo ad azzerare la delusione e a mettere subito le cose in chiaro in virtù di una superiorità tornata eclatante: con un parziale di 20 punti a 3 l'allievo di Vincenzo Santopadre vola sul 5-0 e archivia per 6-0 una pratica durata un set di troppo. Poco importa, a Berrettini serviva un po' di "palestra" in vista di una finale molto dura con l'uomo rivelazione del 2021, Aslan Karatsev, che però dovrà smaltire le tossine della vittoria sul padrone di casa Djokovic.

Karatsev: "Darmi la carica? Dopo il 2° set sono andato in bagno"

ATP, MonteCarlo Masters
Berrettini: "Condizione fisica non è perfetta, ma arriverà"
13/04/2021 A 19:45
ATP, Monte Carlo
Berrettini, rientro amaro: è fuori in 2 set con Davidovich-Fokina
13/04/2021 A 15:49