I vincitori

Novak Djokovic. Federer a Londra, Nadal a Parigi, Djokovic a Melbourne. A ciascuno il suo. Ne hanno dette e ridette di tutti i colori: la quarantena, la lettera, l’infortunio e chi più ne ha, più ne metta. Dominando, soffrendo... Ma alla fine qui vince sempre lui. E questo forse vale un po' di più per come si erano messe le cose, per come si era complicato il cammino, per il fatto che vale il meno 2 dai sopracitati. Li prenderà. Eccome se li prenderà. Perché in mente non ha altro. Voto 10. All'obiettivo.
Australian Open
Djokovic e il valore di un successo contro tutto e tutti
22/02/2021 A 06:09
Naomi Osaka. Con quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così... No, non sono Bruno Lauzi e Paolo Conte che vanno a Genova, ma è la solita, imperscrutabile, Naomi Osaka. Una che di primo acchito sembra innocua come un gattino, salvo poi mangiarti vivo in campo, per lo meno quanto ne ha voglia, quando conta. Già perché se su 7 titoli in carriera 4 sono slam, vuol dire che qualcosa non va e al tempo stesso funziona benissimo; vuol dire che se hai voglia, quando hai voglia, se ti va, sul cemento, non ce n’è più per nessuna. Ventuno partite consecutive vinte. Sotto alla prossima. Voto 10. Meow.

Osaka, poker sul cemento: il trionfo su Brady in 3 minuti

I finalisti

Daniil Medvedev. Ci voleva qualcosa di speciale per fermare la striscia di 20 vittorie consecutive. Equel qualcosa di speciale si chiama Novak Djokovic. Certo, non staccare la spina dopo un set e un game forse avrebbe aiutato. Ma vi sentite davvero di biasimarlo, dopo un torneo del genere? Ha perso. Ma ha perso dal più forte. E allora voto 8,5. Alla striscia. Interrotta.

Medvedev: "Djokovic è un dio umile, non è mai cambiato"

Jennifer Brady. Un destino per certi versi simile a quello raccontato qui sopra. Ha sfruttato le sue chance, si è spinta fin dove si poteva spingere e ha mollato un po’ troppo presto la finale. Di fatto però si è arresa alla più forte. E dunque poco da dire anche qui: complimenti, riprova, magari migliora qualcosa. Voto 8,5. Al cammino.

Brady: "Mia mamma sta piangendo, Osaka ispira le giovani"

Gli sconfitti

Rafael Nadal. L’Australia non è casa sua e questo ormai è piuttosto evidente. C’erano incognite e dubbi prima dell’inizio; ce ne sono un po’ meno dopo il torneo. Rafa non è più imbattibile da un bel tot e su questa superficie non lo è probabilmente proprio mai stato. Che dire allora per un torneo dove ha fatto il suo finché non è arrivato il primo, vero, ostacolo? Poco. Se non l’ovvio: poteva far meglio; così come nulla, in fondo, dopo una carriera del genere, è ancora dovuto. Voto 6,5. Alla remuntada. Subita.

Nadal 'pollo'? No, è stato bravo Tsitsipas, anche Rafa è umano

Serena Williams. Ha lottato. Ha corso. E probabilmente per far questo si è allenata anche più di quanto non avesse fatto nel recente passato. Ha scoperto però, probabilmente definitivamente, che tutto ciò non basta più, che non è più lei a decidere. Detronizzata dalla Osaka. E dal tempo, che inesorabile passa per tutte. Anche per le regine. Voto 7. All’amara scoperta.

Serena lascia la sala stampa in lacrime: "Non so se è un addio"

Le sorprese

Aslan Karatsev. Conosciuto anche come il “signor nessuno”. Almeno fino a un paio di settimane fa, dove a parlarne non erano nemmeno quelli del settore, semmai quelli che col settore ci scommettono... Che questo ragazzo abbia trovato la sua primavera? Tennis, carattere, colpi. Karatsev ci ha fatto vedere di aver tutto. Si spera sia in grado di ritirarlo fuori anche in futuro. Perché un cammino così, al primo slam di sempre in tabellone principale, non è da 114 del mondo. Voto 10. Alla storia.
Karolina Muchova. La vera signora delle rimonte. 5-0 sotto con Pliskova. 4-0 sotto con Mertens. 6-1, 2-0 sotto con Barty. Mai voltare le spalle a Karolina Muchova però, che si è riscoperta fredda al caldo, lucida spalle al muro, migliore quando migliore gli è stato imposto di essere dal punteggio. Ci ha provato fino all’ultimo a piazzare quel che sarebbe stata la quarta rimonta consecutiva. Non è stata cosa, ma se capisce che può vincere anche senza dover per forza soffrire... Voto 8. Alle scalate.

Karolina Muchova - Australian Open 2021

Credit Foto Getty Images

Le delusioni

Dominic Thiem. Perché no, non si può, vincere così con Kyrgios e presentarsi poi senza benzina. Non se sei Dominic Thiem. Non se fai della forza la tua arma principale. Svuotato, dai giochi di prestigio del buon Nick, dai suoi trucchi, dal suo pubblico; e restituito in una versione ameba tanto da far sembrare un cinico giustiziere Dimitrov, che in carriera giustiziere è stato giusto in camera da letto. Insomma, non il massimo. Non per uno che si presentava con uno slam in bacheca e da vice campione al Masters. Voto 6-. Alla stamina.

Grigor Dimitrov consola uno spento Dominic Thiem dopo il ko in 3 set agli ottavi di finale dell'Australian Open 2021

Credit Foto Getty Images

Elina Svitolina. Perché se non batti Pegula agli ottavi, in un lato di tabellone che ti propone Brady o Vekic, e poi eventualmente Barty o Muchova, allora quando? Eh, quando, Elina? Diccelo tu. Perché noi abbiamo iniziato a smettere di crederci. Voto 4. All’occasione bruciata.

Highlights | Jessica Pegula - Elina Svitolina

I giovani

Carlos Alcaraz. E finalmente. Finalmente una storia. Finalmente un teenager. C’è vita, oltre a Jannik Sinner. Buona la prima di questo 17enne di cui si parla un gran bene. Alla prima apparizione slam, una gran vittoria in 3 set al primo turno e un discreto approccio al secondo, dove contro Ymer avrebbe anche potuto giocarsela meglio. Sono venuti fuori i limiti fisici, ma il tennis pare essere dalla sua. Dai che arriva qualcuno di nuovo. Voto 7. All’esordio.

Highlights | Botic Van de Zandschulp - Carlos Alcaraz

Anastasija Potapova. Non è decisamente stato un torneo per giovin donzelle. Tra Hsieh, Errani, Serena Willimas eccetera avanti si sono viste le veterane; e oltre a quelle alla voce teen è rimasta solo la Swiatek, che ha però già un’altra dimensione. L’unico grido, dalla new generation, quello della Potapova. Che ha provato ad alzare la voce con Serena, salvo poi autosabotarsi quando è stato il momento di andare al dunque. Voto 6,5. Al mezzo bluff.

Potapova, che combini? 5 doppi falli in un game contro Serena

Gli italiani

Li avevamo già trattati in un capitolo a parte a loro dedicato: a questa pagina il link.

Vinci 360, ep.14: il commento al Day 14 dell'Australian Open

ATP, Roma
Sinner non tradisce due volte: sfiderà Nadal al 2° turno
16 ORE FA
ATP, Madrid
Berrettini, il sogno sfuma: tutto il meglio della finale
21 ORE FA