Dopo il flop bianconero in Champions League - con la seconda eliminazione di fila agli ottavi di finale - e il fracaso catalano causato dalle scorribande di Kyilian Mbappe, per la prima volta dal 2005 Messi e Ronaldonon saranno presenti ai quarti di finale della massima competizione europea. Da Mourinho e Ancelotti - poiché furono loro a scrivere quella pagina di storia, eliminando Barcellona e Man United - a Pochettino e Sergio Conceicao, carnefici di Barcellona e Juventus. Dopo 15 anni conditi da 9 trionfi, la coppia più bella mondo sembra ad aver abdicato. È davvero finita l’epoca di Leo Messi e Cristiano Ronaldo? La risposta delle redazioni di Eurosport.

La nostra opinione – Carlofilippo Vardelli

Serie A
CR7-Juve, si va per vie legali: vuole i 19,9 mln della "carta segreta"
IERI ALLE 08:22
È difficile esprimersi in maniera così netta verso i guardiani del nuovo millennio. Messi e Cristiano hanno saputo creare una sorta di timore, misto a rispetto, che qualunque opinione negativa potrebbe essere già confutata nella prossima stagione. Però, ragionando più in generale, questa eliminazione agli ottavi di finale ha decisamente minato il loro regno, e la contemporanea ascesa dei cyborg di nuova generazione potrebbe farlo crollare. Probabilmente hanno ancora un paio di cartucce di sparare, ma la sensazione generale è che siano troppo deboli per opporsi al cambiamento, e la carta d’identità non li stia aiutando.
Mbappe e Haaland si sono messi al timone del nuovo corso, ma anche i vari Havertz, Sancho, Camavinga, Foden, Ansu Fati, Joao Felix, Vinicius e Rodrygo hanno tutte le carte in regola per subentrare alla coppia degli anni ‘10. Logicamente, molto dipenderà dal loro sviluppo, dagli allenatori che incontreranno e dal contesto tecnico-tattico in cui verranno inseriti, però il famoso "ricambio generazionale" sarà solo questione di tempo.

Ronaldo a colloquio con Messi in avvio di gara

Credit Foto Getty Images

Eurosport Spagna – Felix Martin

Il vero titolo della Champions League 2020-21 è che non avremo Messi e Ronaldo nei quarti, ma Haaland e Mbappé. Ciò potrebbe significare che la prossima generazione di superstar si prenderà la scena internazionale (e lo farà in maniera molto rumorosa, basta guardare le loro prestazioni contro Barça e Siviglia), ma in realtà penso che Messi e CR7 abbiano ancora molto da dire.
Parlando di quello che so, ovvero del Barcellona, credo che la situazione di Messi sia in divenire. Tra l’elezione di Joan Laporta, e la probabile conferma di Leo in blaugrana, mi aspetto uno sforzo per garantire un nuovo progetto sportivo intorno all’argentino. I debiti sono tanti, ma l’obiettivo è tornare tra le prime 4 squadre del mondo. Parlando di Ronaldo invece, non mi stupirei se decidesse di lasciare la Juventus quest'estate, magari firmando per il PSG (soprattutto se Mbappé sposasse le volontà del Real Madrid).

Koeman: "Messi è un vincente, abbiamo bisogno di lui"

Eurosport Francia – Maxime Dupuis

È la fine di Messi-Ronaldo? Di una grande epoca per loro, sì. Ovviamente. È la "vera" fine? Non lo dico. Secondo me hanno ancora delle possibilità: Messi con la maglia del Barcellona (o forse con quella del Manchester City), mentre Ronaldo nell’ultimo anno con la Juventus. Per il futuro, il dualismo sarà quello fra Haaland e Mbappé. Forse la prossima grande rivalità, ma attenzione al marketing. Ok, sicuramente sono molto molto molto molto forti. Forse i due Re del prossimo decennio, ma il loro dominio dipenderà da molti fattori.
Giocheranno nello stesso campionato? Giocheranno nella stessa squadra? Messi - Ronaldo è stato un grandissimo dualismo anche per la quantità di partite in cui si sono affrontati, e quando è iniziata la loro rivalità, entrambi avevano già vinto un Pallone d'Oro e una Champions League. Mbappe e Haaland vanno aspettati: lasciamoli crescere.

Ronaldo e Messi, Champions League

Credit Foto Getty Images

Eurosport UK - Ben Snowball

Dipende da cosa succede quest'estate. Se Messi si trasferisce al Man City o al PSG, e poi vince la Champions League, possiamo davvero dire che l'era è finita? Allo stesso modo, non è escluso che la Juventus possa tornare al successo insieme a Ronaldo. Certo, nessuno dei due è più in grado di vincere grandi partite da solo, ma un paio di stagioni deludenti - nel caso di Messi, per colpa del suo club - non significa che sia finita. Siamo saliti sul treno dell'hype Mbappe vs Haaland perché hanno giocato alcune buone partite contemporaneamente. Ma non prendiamoci in giro. Se il PSG o il Borussia Dortmund non riusciranno a vincere la Champions League, questi match finiranno nel dimenticatoio.
Messi e Ronaldo hanno costruito la loro reputazione esibendosi nelle partite più importanti mentre giocavano per i due club più grandi della Spagna. La più grande partita di club della carriera di Mbappe lo ha visto messo in ombra dalla forza collettiva del Bayern Monaco. La più grande partita della carriera di Haaland lo ha visto fare a pezzi il PSG - e poi svanire quando il Dortmund ha perso il ritorno e si è schiantato. Invece dei super giocatori entreremo nell'era dei SuperTeam, come Bayern Monaco e Man City.

Eurosport Polonia - Piotr Kaszubski

Questa eliminazione è la fine Messi e Cristiano Ronaldo? Non ancora. Sicuramente Haaland e Mbappe stanno bussando alle porte della grandezza - e hanno tutto ciò che serve per essere considerate future superstar - ma al loro palmares manca ancora magia, carisma e quella leadership che serve per vincere la coppa dalle grandi orecchie.
Messi e CR7 non sono più giovanissimi, ma sono ancora figure fondamentali per spostare gli equilibri dei club e lottare per la Champions League. Il Barcellona ha discrete chance di ripartire da un gruppo giovane (Pedri, Moriba, Dest o Fati) e da un nuovo presidente (Laporta), riportando Messi al top. Cristiano Ronaldo invece è più legato alle decisioni della Juventus, tra la situazione dei vari Dybala, Rabiot, Ramsey e Morata.

Messi e la Champions League: 16 anni di gol

Eurosport Romania - Ion Alexandru

Il mondo del calcio si sta preparando all'imminente cambio generazionale. La fine di Messi e Ronaldo si sta avvicinando, ma i fan non hanno motivo di temere. Ci sono due giovani giocatori che non vedono l'ora di prendere in consegna la loro "eredità": Erling Haaland e Kylian Mbappe. La rivalità tra Lionel Messi e Cristiano Ronaldo è stata l'elemento chiave attorno al quale ha ruotato il calcio nell'ultimo decennio e mezzo. Le due costanti. Sfortunatamente per la generazione cresciuta con loro, la storia si sta avviando verso la fine. L'età dice 36 (Ronaldo) e 34 (Messi) anni, e il fisico non gli permette tutto quello che gli permetteva fino a poco tempo fa.
Questa doppia eliminazione è la dimostrazione del passaggio di consegna: Mbappe e Haaland invece di Ronaldo e Messi. È la legge della natura. Ogni bella storia finisce, e anche i personaggi del portoghese e dell'argentino non fanno eccezione. Ma, come alla fine di ogni storia, le persone devono ricordare il meglio e guardare al futuro con ottimismo. In questo caso, il futuro fa rima con Haaland e Mbappé.

Pirlo difende CR7: "Capita anche ai campioni di non segnare"

Mondiali
9 gol per Messi ai Mondiali: meglio di Maradona, a -1 da Batistuta
IERI ALLE 21:00
Mondiali
Messi, 1000 presenze in carriera: c'è riuscito solo un altro argentino
03/12/2022 ALLE 19:03