Tutto in una notte: sarà il palcoscenico di Wembley a decretare chi vincerà gli Europei 2020 tra l'Inghilterra padrona di casa e l'Italia di Roberto Mancini. Il Ct azzurro dovrebbe confermare l'undici che ha superato la Spagna ai calci di rigore con Emerson al posto dell'infortunato Spinazzola, Verratti ancora preferito a Locatelli e Pessina a centrocampo e Chiesa nel tridente insieme a Immobile e Insigne. Non sono escluse sorprese nell'Inghilterra, che potrebbe essere schierata da Soutghate con la difesa a tre già vista contro la Germania agli ottavi di finale. Al momento però l'ipotesi più probabile è la conferma del 4-2-3-1 con Saka, Mount e Sterling alle spalle di Kane. Ma chi sta meglio tra Italia e Inghilterra? Chi può essere considerato favorito? Per capirlo abbiamo messo a confonto le due formazioni reparto per reparto, giocatore per giocatore. In attesa di gustarseli in campo, ecco gli 11 duelli della gara analizzati sulla carta. Le regole d'ingaggio: i segni 1 e 2 indicano rispettivamente la prevalenza dell'Italia o dell'Ighilterra (da sorteggio, pur giocandosi a Wembley, la partita è "Italia-Inghilterra"), il segno X un sostanziale equilibrio. Nel giudizio si è tenuto conto sia del valore assoluto dei giocatori, sia del loro attuale stato di forma.
Segui il LIVE della FINALE: ITALIA-INGHILTERRA

Donnarumma - Pickford 1

Euro 2020
Italia-Inghilterra: le 10 statistiche più "croccanti"
10/07/2021 A 19:01
DIfficile aprire un dibattito di confronto sui due nomi. "Gigio" lo conosciamo, è a un passo dal diventare il miglior portiere al mondo in circolazione. E gli interventi plastici e risolutivi contro Belgio e Spagna (compreso il rigore parato a Morata) sono lì a dimostrarlo nella casistica più recente. L'estremo difensore dell'Everton è in netta crescita, vero, ma qualche scheletro nell'armadio, a livello di gaffe, ce l'ha eccome. Ecco, a proposito di questo, uno dei punti deboli di Donnarumma, ancora deficitario lontano dall'essere perfezionato, è il controllo della sfera coi piedi Ma con Pickford, in generale, non c'è partita.

Donnarumma, Italia-Spagna

Credit Foto Getty Images

Di Lorenzo - Walker 2

Ventiìotto anni (ad agosto) per il primo, 31 l'inglese: il laterale destro del Manchester City ha alle spalle una carriera imparagonabile per il collega che il Napoli ha scovati due stagioni fa all'Empoli. La crescita di Di Lorenzo è stata, a tratti, vertiginosa, ma la cifra tecnica di Walker parla da sola, come il suo palmares: 3 campionati inglesi, 4 coppe di lega, 1 Fa Cup e 2 Community Shield. Al di là del mero conteggio dei trofei, Di Lorenzo ha dimostrato di andare in netta difficioltà al cospetto di dirimpettai che fanno della corsa e della fisicità la loro principale arma, vedi Jérémy Doku nella sfida al Belgio.

Harry Kane, Bukayo Saka y Kyle Walker (Inglaterra). Eurocopa 2020

Credit Foto Getty Images

Bonucci - Stones X

Atletismo, marcature ben assestate, propensione offensiva. La loro energia è in grado di trasformarsi in arma in più da un momento all'altro. E in entrambe le fasi.

Chiellini - Maguire 1

La loro prestanza fisica, così come la loro elevazione, li disegnerebbe - in teoria - centrali simili. In realtà, tra i due esiste almeno una categoria e mezza di differenza. Nonostante i nove anni di differenza, Chiellini è ancora molto più arcigno e puntuale nel francobollare l'avversario che l'ex Sheffield United, invece, si fa sfuggire in non rare occasioni.
LEGGI: Kane: "Bonucci e Chiellini grandi guerrieri, accetto la sfida"

Emerson Palmieri - Shaw 2

Una stagione e mezza di impiego a singhiozzo nel Chelsea, hanno influito molto per l'italo-brasiliano. Il confronto, Shaw, avrebbe dovuto averlo con Leonardo Spinazzola, ma sappiamo tutti com'è andata a finire. L'esperienza di Shaw sarebbe stata ben superiore anche al laterale della Roma, apparso tuttavia in forma strepitosa prima della rottura del tendine d'achille. Ad ogni buon conto, il laterale del Manchester United è stato "on fire" per tutto l'Europeo, specie nel match contro l'Ucraina, in cui è stato autore di due assist vincenti.

Barella - Rice 1

Stato di forma incontenibile per la mezz'ala dell'Inter, autore del gol che ha "stappato" il match contro il Belgio e che è arrivato a Euro 2020 in coda a una stagione esaltante coi nerazzurri. Il classe 1999 inglese è stato "buono" in tutto: col West Ham e in questa rassegna per nazione. Senza mai andare oltre.

Belgio-Italia, Euro 2020 - L'esultanza di Nicolò Barella (Getty Images)

Credit Foto Getty Images

Jorginho - Mount 1

Per Jorginho si parla di Pallone d'Oro, che arriverebbe in coda a un percorso di carriera dalle mille emozione. Mount, suo compagno di club al Chelsea, resta comunque un top player nell'innescare la fase offensiva. Due giocatori straordinari ma, certo, di questi tempi, l'ex Napoli si fa nettamente preferire.
LEGGI: Jorginho merita il Pallonde d'Oro?

Verratti - Phillips 1

Kalvin Phillips, lo ricordiamo, è un prodotto del settore giovanile del Leeds United, classe 1995, alla prima stagione in Premier League e valorizzato alla grande dal "Loco" Marcelo Bielsa. La sua esplosione in questa annata è tangibile, visto che si è pure guadagnato i galloni da titolare, ma la qualità e l'esperienza proposte da Verratti in mediana sono da campione affermato. Nessun possibile accostamento tra i due.

Chiesa - Saka 1

Bikayo Saka, gioiello dell'Arsenal classe 2001, laterale destro box to box. Federico Chiesa, gemma classe 1997 della Juventus, ex Fiorentina e della Nazionale italiana. Saka è un tuttofare e può partire anche dalla linea di difesa, ma Chiesa spacca in due le partite come pochi. Votiamo lui.

Federico Chiesa festeggia il goal dell'1-0 nella semifinale di Euro 2020 contro la Spagna

Credit Foto Getty Images

Insigne - Sterling 2

Qui è sfida tra due dei migliori giocatori di questo torneo. La vince, in questo caso, Raheem Sterling, che quasi da solo ha trascinato l'Inghilterra a questa finale tra gol (3), assist, serpentine ed episodi decisivi come il rigore contro la Danimarca.

Raheem Sterling

Credit Foto Getty Images

Immobile - Kane 2

Il confronto è tra un attaccante che in Nazionale non riesce mai del tutto a ingranare (anche se ha pur sempre realizzato due reti) e l'attaccante attualmente considerato il più completo al mondo. Anche Kane è partito in questo Europeo col freno a mano tirato, ma dopo essersi sbloccato ha letteralmente preso per mano nazionale dei Tre Leoni.
LEGGI: Poco feeling, tante domande: Immobile cerca il riscatto a Wembley
https://i.eurosport.com/2021/07/10/3171084.jpg

Da Pirlo a Balotelli: Italia-Inghilterra, la storia infinita

Calcio
Di chi si parla in Italia? Mancini è al top davanti a Chiesa e Immobile
10/07/2021 A 12:36
Mondiali
Mancini: "Mondiali? Non facile, ma abbiamo buone chance"
05/12/2021 A 20:32