Che vittoria per Thomas Pidcock che si è preso la Freccia del Brabante e ha lanciato un messaggio per il futuro. Il corridore della Ineos Grenadiers, alla sua prima vittoria da professionista su strada, ha battuto niente meno che Wout van Aert, sul suo territorio, in volata. Alla fine, però, a contare sono sempre le gambe, soprattutto dopo una corsa durissima con 24 muri, 8 dei quali su pavé. È vero che Pidcock è alla sua prima affermazione, ma non è per nulla una sorpresa visto che il britannico ha dato fastidio proprio a van Aert, e a van der Poel, nelle gare di ciclocross, confermando tutte le sue qualità in vista delle Classiche future. Beffato invece van Aert che dopo la Tirreno-Adriatico (dove ha conquistato due successi) e la vittoria alla Gand, dimostra di non essere al top della condizione considerando il risultato del Fiandre e la corsa di oggi. Che il belga sia arrivato a questo momento troppo stanco? Che abbia fatto un lavoro specifico per dare poi manforte a Roglic nei Grandi Giri? Fatto sta che van Aert si deve arrendere ancora una volta e, forse, si spiega perché van der Poel abbia deciso di non gareggiare più fino a maggio.

Pidcock brucia van Aert e Trentin! Rivivi la volata

Menzione speciale però Matteo Trentin che ha sì raccolto un 3° posto, ma che ha fatto una grandissima azione ai -27 km. Pidcock e van Aert hanno dovuto lavorare duramente per riprendere il corridore dell'UAE Emirates che ci ha voluto provare. L'azione dell'azzurro era volta anche a testare il percorso: molti punti della corsa di oggi sono in comune con il Mondiale di Leuven di settembre e Trentin ha piazzato la prima botta per capire dove poter attaccare e dove poter far male.
Brabantse Pijl
Van Aert: "Ha vinto il più forte", Pidcock: "Wout tirava troppo"
15/04/2021 A 00:31

L'ordine d'arrivo

CorridoreTempo
1. Thomas Pidcock4h36'27''
2. Wout van Aertst
3. Matteo Trentin+2''
4. Ide Schelling+7''
5. Toms Skujins+7''
6. Robert Stannard+7''
7. Dylan Teuns+7''
8. Benoît Cosnefroy+7''
9. Oscar Riesebeek+7''
10. Andreas Leknessund+12''
11. Rémi Cavagna+25''
12. Greg Van Avermaet+48''

Pidcock: "Ho battuto van Aert? Dopo 24 muri non è una volata normale"

9 in fuga: Matthews fa lavorare la squadra

Parte una fuga di 9 corridori con l'azione di Van Melsen (Intermarché-Wanty-Gobert), Van Moer (Lotto Soudal), Meeus (Bora-Hansgrohe), Morin (Cofidis), Leknessund (DSM), Robeet (Bingoal-Wallonie), Mertens (Vlaanderen-Baloise), Coquard (B/B Hotels) e Skaarseth (Uno-X Pro). A sorpresa c'è anche Bryan Coquard che, basandosi sulle sue caratteristiche, avrebbe potuto anche giocarsela allo sprint di Overijse. I 9 guadagnano anche 7 minuti sul gruppo, ma è la BikeEchange di Michael Matthews a ridurre radicalmente il gap con i battistrada.

Maxi caduta, poi partono Pidcock, Trentin e van Aert

Sul Moskesstraat si comincia a fare corsa dura e ci sono le fiammate da parte di Stannard (BikeEchange) e Bystrom (UAE Emirates), poi raggiunti da Cavagna (Deceuninck Quick Step) e Skujins (Trek Segafredo) che formano un drappello di 4 contrattaccanti. Sono le squadre rivali della Jumbo Visma di van Aert, e l'intenzione è proprio quella di stancare la squadra olandese e di isolare il campionissimo belga. Ai quattro attaccanti si aggiungono anche Cosnefroy (AG2R), Teuns (Bahrain) e Riesebeek (Alpecin Fenix). La Jumbo fatica e tanto a rimontare, ma a 38 km dall'arrivo c'è una maxi-caduta in gruppo che cambia tutto. Pidcock forza la mano, seguito da Trentin e van Aert e i tre riescono a risalire fino alla testa della corsa. Non ce la fanno invece Colbrelli, Matthews e Van Avermeaet che restano attardati a seguito della caduta.

Maxi caduta e parte Pidcock: solo Trentin e van Aert rispondono

Matteo Trentin senza paura: attacca ai -27

Trentin ci prova da lontano, poi Pidcock brucia in volata van Aert

Scatti e contro scatti davanti, con fiammate di Cosnefroy e dello stesso van Aert, ma è bravo Matteo Trentin a rispondere sempre presente. Anzi, è proprio il corridore dell'UAE Emirates che parte in solitaria a 27 km dal traguardo. Trentin ha 21'' di vantaggio a un giro dal termine, ma occhio a Pidcock e van Aert che partono sull'Hertstraat e vanno a riprendere l'italiano. Altri corridori proveranno il ricongiungimento, ma se la giocano in tre: Pidcock, van Aert e Trentin.

Frullata Pidcock: scatta sul Moskesstraat e riprende Trentin

Van Aert è tendenzialmente il più forte in volata, ma i 24 muri si fanno sentire ed è Pidcock a bruciare tutti allo sprint e ad aggiudicarsi così la sua prima vittoria tra i professionisti. Battuto il belga, 3° Trentin.

Rivivi la Freccia del Brabante On Demand (Contenuto Premium)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Ciclismo

Freccia del Brabante | Prova maschile

00:00:00

Replica
Brabantse Pijl
Trentin pensa già al Mondiale: "Mi piace il percorso"
15/04/2021 A 00:14
Tour de France
Ciclismo in diretta: calendario e risultati del World Tour 2021
05/02/2021 A 17:58