Hai mai provato? Hai mai fallito? Non importa. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio

L'aforisma di Samuel Beckett sembra calzare a pennello per Dominic Thiem. Sono due le condizioni che le persone attraversano quando si cimentano in un'impresa: la voglia di provare e la possibilità di fallire. L'austriaco le ha sperimentate entrambe in diverse occasioni, compreso l'ultimo atto di New York. Aveva giocato tre finali Slam perdendole tutte: la prima al Roland Garros 2018 (tre set a zero da Nadal), la seconda sempre a Bois de Boulogne l'anno dopo (tre set a uno dal solito Rafa), la terza agli Australian Open all'inizio di questo anno così particolare (tre set a due da Novak Djokovic).

US Open
Thiem dall'inferno al paradiso: Zverev rimontato in finale
14/09/2020 A 00:21

Thiem, passante magico per cercare di ribellarsi a Zverev

Ha perso, è caduto ancora ma ha saputo imparare da quelle sconfitte. D'altronde, è un'impresa titanica battere gli alieni nella loro casa, ciò che per Nadal rappresenta Parigi (12 titoli) e che per Djokovic fa rima con Melbourne (8 titoli). I tre fuoriclasse che hanno segnato quest'era tennistica nella New York post Covid-19 non c'erano: Federer e Nadal dall'inizio, Djokovic per un'autoeliminazione che rimarrà nei libri di storia. A Dominic Thiem, però, nessuno ha regalato niente: è migliorato, finale dopo finale è cresciuto, tecnicamente e mentalmente, e ha saputo aspettare il suo momento.

Quel giorno è arrivato e il ragazzo di Wiener Neustadt, città della Bassa Austria che sorge a sud di Vienna, nei pressi del fiume Leitha, è il 150esimo giocatore a entrare nell'albo d'oro degli Slam. È il primo classe 1990 a riuscirci, un decennio frenato dall'onnipotenza di tre mostri nati negli anni 80: Roger da Basilea (1981), Rafa da Manacor (1986) e Nole da Belgrado (1987). La nuova era - a cui un giorno ci dovremo in qualche modo abituare - l'ha aperta Thiem, classe 1993: non è un caso perché lui dei classe '90 è il tennista più completo e maturo.

Thiem, il passante in corsa è leggendario: Zverev annichilito

L'ha dimostrato anche in questo torneo battendo chi prima di lui aveva interrotto la monotonia a Flushing Meadows nel 2014 (Marin Cilic), due giovani di belle speranze (Felix Auger-Aliassime e Alex de Minaur) e il giocatore più caldo degli US Open da due anni a questa parte (Daniil Medvedev). La costanza di Thiem, schiacciato dal peso della prima finale da favorito, non poteva che prevalere sugli acuti, intervallati però da troppe pause, dell'amico Zverev, a cui va riconosciuto comunque un pregio: il rifiuto della sconfitta, ciò che l'ha condotto alla sua prima finale nei major e a un centimetro dal trofeo.

Le lacrime di Zverev per i genitori: "Mi sono mancati, spero siano fieri di me"

Mentre la mente è già proiettata al Roland Garros, Dominic Thiem si gode la terza fase dell'aforisma di Samuel Beckett, il coronamento dell'impresa. A furia di provarci e di crederci, il primo austriaco della storia campione all'Open degli Stati Uniti - primo anche a rimontare uno svantaggio di due set a zero nella finale dello Slam americano nell'era Open - è riuscito a raggiungere quel traguardo che inseguiva da tanto, forse troppo tempo.

Thiem rimonta Zverev e vince il torneo: gli highlights del match

US Open
Djokovic ma non solo: da McEnroe a Shapovalov, le squalifiche più famose della storia del tennis
07/09/2020 A 10:20
US Open
Clamoroso! Djokovic squalificato per una pallata alla giudice di linea
06/09/2020 A 20:11