Un solo padrone. Qualcuno ce l'aveva detto, se Bernal starà bene, "non ci sarà partita”. E chi l'ha detto aveva ragione, considerando i distacchi spaventosi che ha inflitto il colombiano quando siamo appena entrati nella terza settimana. Anche nella tappa regina, comunque accorciata causa la cancellazione di Fedaia e Pordoi, Bernal stacca tutti. A 22 km dal traguardo, facendo il vuoto sul Giau, addirittura anticipando Carthy che aveva mostrato intenzioni bellicose facendo tirare tutta la squadra. Non ce n'è per nessuno, con Simon Yates che crolla e Vlasov che perde altro terreno. Prova a resistere Ciccone, anche se l'abruzzese resta comunque fuori dal podio. Chi c'è sul podio, invece, è un ottimo Damiano Caruso che resiste sul Giau ed è l'unico che si salva in questa giornata infernale, insieme ad un redivivo Romain Bardet. Da segnalare la fuga di Formolo e Nibali che avevano provato a riscattare il loro Giro con una bella azione, con i due però rimbalzati sul Giau. Si era fatto vedere anche il vincitore dello Zoncolan, Lorenzo Fortunato. Evenepoel arriva al traguardo con un ritardo di 24'05''.

Bernal onnipotente! Trionfo a Cortina, Caruso terzo: rivivi l'arrivo

La nuova classifica

Giro d'Italia
Giro d'Italia: startlist, ritirati e squalificati dalla Giuria
08/05/2021 A 21:47
CorridoreTempo
1. Egan Bernal66h36'04''
2. Damiano Caruso+2'24''
3. Hugh Carthy+3'40''
4. Aleksandr Vlasov+4'18''
5. Simon Yates+4'20''
6. Giulio Ciccone+4'31''
7. Romain Bardet+5'02''
8. Daniel Martínez+7'17''
9. Tobias Foss+8'20''
10. João Almeida+10'01''
19. Remco Evenepoel+28'07''

Classifiche e risultati

| Da Torino a Milano: il percorso del Giro | La classifica generale | L'Albo d'oro del Giro |
BERNAL PADRONE: GIRO D'ITALIA GIÀ FINITO?

Fuga con nomi eccellenti: ci sono Nibali e Formolo

Doveva essere la tappa regina ma, a causa del maltempo, la frazione viene mozzata togliendo Fedaia e Pordoi. C'è quindi la Crosetta in avvio e il Giau prima dell'arrivo. Ecco che parte la solita fuga con 25 corridori partiti all'attacco. Ci sono anche grandi nomi visto la presenza di Fabbro, Ulissi, Formolo, Nibali, Brambilla, João Almeida, Gorka Izagirre, Daniel Martin oltre a Buchard a caccia dei punti per la classifica scalatori. Sulla Crosetta è proprio il francese a passare per primo e a prendersi i 40 punti per la sua classifica, ma dopo la discesa parte un drappello di 6 corridori che staccano i compagni di fuga. Gorka Izagirre lancia l'attacco, con lui Nibali, Ghebreigzabhier, João Almeida, Formolo e Pedrero. I 6 prendono quasi 6 minuti di vantaggio e sperano di centrare una tappa prestigiosa in questo Giro.
Segui il Giro d'Italia LIVE su Eurosport Player e Discovery+: scopri l'offerta bomba

La Education First fa il forcing, Yates va in difficoltà

Hugh Carthy vuole attacca, ma viene fulminato da Bernal

Prima del Giau, però, occhio all'andatura dell'Education Nippo di Hugh Carthy. Van Garderen e Bettiol fanno un ritmo importante e il gruppo maglia rosa attacca l'ultima salita a 1'42'' dai battistrada. Già staccato Evenepoel che perde e ruote a più di 35 km dal traguardo. Formolo stacca Nibali sul Giau, ma subisce il ritorno di Pedrero, mentre in gruppo faticano Simon Yates e Vlasov (il russo è costretto a fermarsi dopo che la sua mantellina si è incastrata nella catena). Hugh Carthy vuole attaccare, ma Bernal lo anticipa e fulmina tutti ai -22 km dal traguardo. Il colombiano con un paio di pedalate va a riprendere e a staccare anche Pedrero e si invola verso la vittoria di tappa e, a questo punto, del Giro d'Italia.

Bernal prende e se ne va: l'attacco sul Giau

Bernal vince in solitaria: Damiano Caruso va al 2° posto

Bernal passa per primo sul Giau, mandando a 45'' Damiano Caruso e Bardet, a 1'30'' Ciccone e Hugh Carthy, a 2 minuti Vlasov, e a quasi 3 minuti Simon Yates. Il colombiano va a tutta anche in discesa, a caccia della sua seconda vittoria in questa edizione del Giro. Bardet e Damiano Caruso riescono a rosicchiare qualche secondo, ma non c'è nulla da fare contro il corridore della Ineos Grenadiers che arriva in solitaria a Cortina, avendo anche il tempo di togliersi la mantellina e mostrare la sua maglia rosa. Anche oggi il colombiano dà dei distacchi importanti e diventa così "interessante" solo la lotta per il podio. Che fenomeno! Per il podio, ancora in corsa Giulio Ciccone ma bel salto di Damiano Caruso che è ora al 2° posto della generale.

Caruso e Bardet insieme al traguardo, il bel gesto tra i due

L'ordine d'arrivo

CorridoreTempo
1. Egan Bernal4h22'41''
2. Romain Bardet+27''
3. Damiano Caruso+27''
4. Giulio Ciccone+1'18''
5. Hugh Carthy+1'19''
6. João Almeida+1'21''
7. Aleksandr Vlasov+2'11''
8. Gorka Izagirre+2'31''
9. Davide Formolo+2'33''
10. Tobias Foss+2'33''
11. Simon Yates+2'37''
17. Vincenzo Nibali+7'16''

Numero di Gorka Izagirre! Evita due macchine in discesa e si salva

Giro d'Italia
Il film del Giro: le tappe e i risultati da Torino a Milano
03/05/2021 A 16:07
Tour de France
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53