Vini Zabù, capitolo chiuso. L'UCI ha definito la squalifica per il team toscano che si è reso protagonista di due casi di doping nel giro di pochi mesi. Secondo il nuovo protocollo UCI, infatti, in caso di più positività nel giro di 12 mesi scatterebbe la sospensione dell'intero team dai 5 ai 45 giorni. La Vini Zabù paga le positività di Matteo Spreafico all'ostarina, di ottobre al Giro, e quella di Matteo De Bonis all'EPO, pescato con un controllo fuori corsa dello scorso febbraio (De Bonis che non aveva neanche debuttato nel 2021). Ecco dunque la squalifica per tutto il team che non potrà correre fino al 6 maggio.
Si perché la squalifica parte, in maniera retroattiva, dal 7 aprile e quindi dal 6 maggio la squadra di Luca Scinto e Angelo Citracca avrà la possibilità di ricominciare a correre. Paradossalmente, avrebbe quindi fatto in tempo per presentarsi al Giro d'Italia, dove avevano ricevuto una wild card. Anche se, bene precisarlo, probabilmente l'UCI ha avuto una mano più leggera proprio in considerazione dell'autoesclusione della Vini Zabù che ha rinunciato alla partecipazione del Giro per lanciare un messaggio forte (posto poi preso dall'Androni). Nonostante le perdite economiche importanti che derivano dallo star fuori dalla carovana rosa.
Giro d'Italia
Savio esulta: "L'Androni regalerà emozioni al Giro"
15/04/2021 A 21:18
Vini Zabù che riportirà ora dal Giro di Ungheria in programma dal 12 al 16 maggio. Poi il Trofeo Calvia il 13 maggio, il Trofeo Serra de Tramuntana il 14 maggio e ancora il Trofeo Andratx il 15.

Da dove passa il Giro d'Italia 2021? Ecco città e regioni

Giro d'Italia
Androni Giocattoli al Giro: resta fuori l'Arkéa di Quintana
15/04/2021 A 12:55
Giro d'Italia
De Bonis positivo all'EPO: Giro a rischio per la Vini Zabù
30/03/2021 A 12:54