Dopo le emozioni vissute alle Olimpiadi, il mondo del ciclismo va avanti. Sono già tutti proiettati verso la Vuelta (start dal 14 agosto) e questa Classica è un ricco antipasto di quello che verrà. Si comincia a sentire profumo di Spagna, ma si sente soprattutto profumo di occasioni. Potrebbero approfittarne quei corridori che hanno chiuso il Tour in crescendo e che non si sono affaticati a Tokyo. Il favorito resta, comunque, Alaphilippe che su queste strade ha sempre dato spettacolo. Non ci sarà invece Evenepoel che rientrerà a casa in questi giorni dopo aver fatto anche la crono olimpica.

Il percorso della Clásica San Sebastián

Percorso un po' diverso rispetto a quello affrontato nel 2019 visto l'assenza dell’Alto de Mendizorrotz. Resta però una giornata durissima considerando il caldo, la lunghezza della corsa (223,5 km) e le diverse salite (ben 7). Prima parte di tracciato un po' ondulato, ma nulla di trascendentale. C'è l'Alto de Zudugarai, ma che non viene nemmeno classificato come GPM. Al km 63,6 km c'è la prima vera salita di giornata con l'Azkarate, la prima di tre consecutive dovendo poi scalare in rapida successione Urraki e Alkiza. Si comincia a mettere fatica nelle gambe. Discesa e poi la strada continua a fare su e giù fino al Jaizkibel, GPM di quasi 8 km al 5,6%. Occhio alla discesa, poi passaggio a Hondarribia dove è piazzato il primo traguardo volante di giornata (c'è anche la speciale classifica a punti). Ecco che dopo 181 km arriva l'Erlaitz, la salita più dura di giornata: 3,8 km ma al 10,6%. Qui potrebbe venire fuori il gruppetto che andrà verso la vittoria, anche sfruttando l'immediata discesa. Alla salita successiva, però, mancheranno ancora 20 km, quasi tutti in falsopiano e, se ben organizzati, da dietro potrebbero anche rientrare. Intanto a Donostia è posto il secondo traguardo volante, proprio sulla linea dell'arrivo dove i corridori transiteranno per la prima volta (ai -17). Poi nuova salita, il Murgil-Tontorra che rappresenta un muro vero e proprio. Solo 2 km, ma con pendenza media del 10,1% e massima del 19%. Poi nuova discesa e ultimo tratto in pianura di 3,5 km in mezzo, ma comunque ostici a causa della viabilità del centro città.
Tokyo 2020
Cassani verso l'addio: Davide Bramati sarà il nuovo ct dell'Italia?
30/07/2021 A 21:46
https://i.eurosport.com/2021/07/31/3188317.jpg
GPM e altimetrie:
-Al km 40 Alto de Zudugarai (non classificato come GPM): salita di 1,9 km al 3,2%;
-Al km 63,6 Azkarate (3a categoria): salita di 4,2 km al 7,3%;
-Al km 83,4 Urraki (2a categoria): salita di 8,6 km al 6,9%;
-Al km 104,2 Alkiza (3a categoria): salita di 4,4 km al 6,2%;
-Al km 161,6 Jaizkibel (2a categoria): salita di 7,9 km al 5,6%;
-Al km 181 Erlaitz (1a categoria): salita di 3,8 km al 10,6%;
-Al km 215,5 Murgil-Tontorra (2a categoria): salita di 2,1 km al 10,1%;
Traguardi volanti:
-Al km 171,6 Hondarribia;
-Al km 206,3 Donostia;

Remco Evenepoel sboccia alla Clasica di San Sebastian: prima grande vittoria da professionista

Programmazione tv

La 41esima edizione della Clásica San Sebastián sarà trasmessa in diretta su Eurosport in live-streaming su Eurosport Player (anche su TIMVISION) e su Discovery+, il nuovo servizio ott di Discovery con tutto il meglio dell’intrattenimento e della programmazione sportiva di Eurosport.

L'attacco decisivo di Remco Evenepoel sull'ultima salita: fa il vuoto e vola verso la vittoria

I favoriti

Corsa molto dura che potrebbe favorire chi si è preso qualche giorno di pausa dopo il Tour. Ecco che citiamo Julian Alaphilippe che questa corsa la conosce molto bene, avendola già conquistata nel 2018. Avrà una grande squadra a disposizione che lo sosterrà, anche se lo stesso Mattia Cattaneo potrebbe provarci nel caso in cui il campione del mondo non sia all'altezza.
Alaphilippe viene indicato dai bookmaker come il favorito numero 1, ma non mancano gli avversari. Lato Italia ci possiamo giocare due carte importanti come Diego Ulissi e Gianni Moscon. Il primo arriva dalla vittoria della generale della Settimana Ciclista internazionale, breve corsa a tappe in Sardegna, dove il corridore toscano ha conquistato anche due frazioni. Ulissi che sarà supportato da Valerio Conti, Alessandro Covi (che ci potrebbe anche provare) e dal giovanissimo Juan Ayuso. Per il vincitore del Giro Under 23, questo sarà il suo debutto in una prova World Tour. Dall'altra parte c'è invece Moscon che vuole riscattare la prova incolore di Tokyo, con l'obiettivo di centrare la sua quarta vittoria stagionale. In casa Ineos Grenadiers, però, sono tanti i corridori che potrebbero provarci come Adam Yates (9° a Tokyo) o Daniel Martínez. Più difficile vedere un Bernal scoppiettante, anche perché il colombiano rientra solo ora dopo 62 giorni di inattività.
Tanti i giovani forti che potrebbero dire la loro. Abbiamo già citato Ayuso, ma che dire di Mark Padun che finalmente ritroviamo dopo quanto fatto al Giro del Delfinato. E poi ancora Vingegaard, una delle rivelazioni dell'ultimo Tour de France. Il danese ha fatto 2° in classifica generale alle spalle di Pogacar, ma vuole tornare a vincere. Nel 2021 ha centrato quattro successi, vuole il 5° prima di andare al Giro di Polonia.
Alaphilippe *****
Vingegaard, Ulissi, Moscon, Mohoric, Adam Yates ****
Konrad, Cattaneo, Mollema, Brambilla, Padun, Ayuso, Bouwman ***
Luis León Sánchez, Ruben Guerreiro, Simon Yates, Ben Hermans, Covi, Gorka Izagirre **
Honoré, Stybar, Bakelants, van Wilder, Barguil, Oldani, Dani Navarro, Nieve, Keukeleire *

Alaphilippe è l'uomo del momento: sua la Classica di San Sebastian

Approfondimenti e dichiarazioni

Spedizione da dimenticare per l'Italia a Tokyo: le 5 verità delle Olimpiadi
Terremoto in arrivo? Cassani rientra in Italia prima ancora delle gare di pista
Il presidente federale: "Cassani torna in Italia? Era previsto"
Cassani verso l'addio: Davide Bramati nuovo ct della Nazionale?
Finalmente torna Bernal: in corsa dopo 62 giorni di inattività (dalla vittoria del Giro)
Torna anche Mikel Landa: "Sarò alla Vuelta ma...."
...Landa non ha bei ricordi della Clásica San Sebastián
Rientra anche Thibaut Pinot, ma niente Vuelta: correrà solo in Francia

Brutta caduta alla San Sebastian: coinvolti Izagirre, Bernal e Landa

Clásica San Sebastián: informazioni utili

Tutte le news sulla Clásica San Sebastián
Sabato 31 luglio, dalle 15:30 (collegamento tv)

CARAPAZ TRIONFA, PODIO VAN AERT/POGACAR, CRAMPI BETTIOL: GLI HIGHLIGHTS

Tokyo 2020
Italia, spedizione (quasi) da dimenticare; Roglic si rialza sempre
28/07/2021 A 20:20
Tour de France
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53